Lo stoccafisso all'anconetana è uno dei piatti tipici di Ancona, si potrebbe dire il simbolo della gastronomia della città, dove è nata anche un'Accademia per tutelarne la tradizione.

Ingredienti

  • 1-1,2 kg di stoccafisso già battuto e ammollato (500 g a secco) preferibilmente di qualità Ragno
  • 5 acciughe salate
  • 6-7 pomodori pelati
  • 4 patate medie a pasta gialla compatta
  • 1 cipolla piccola
  • 2 spicchi d’aglio
  • 1 manciata di foglie di prezzemolo
  • alcuni rametti di maggiorana
  • 1/2 carota
  • 1/2 costa di sedano
  • 1 rametto di rosmarino
  • 1 bicchiere di vino bianco secco
  • 1/2 bicchiere di olio extravergine di oliva
  • sale

Informazioni aggiuntive

TIPO PORTATA

secondi

ESECUZIONE

media

PREPARAZIONE

20 min

COTTURA

130 min

PREPARAZIONE

Aprite lo stoccafisso a libro, eliminate la lisca poi tagliatelo a pezzi regolari delle dimensioni di circa 6x7 cm, senza togliere la pelle. Tritate finemente le acciughe sciacquate e diliscate, la cipolla, l’aglio, il prezzemolo, la maggiorana, la carota, il sedano e il rosmarino. Versate un filo di olio in una pentola in acciaio a triplo fondo o in un tegame in terracotta avente un coperchio a tenuta. Disponete sul fondo uno strato di pezzi di stoccafisso appoggiandoli sulla pelle. Cospargete il pesce con un terzo del trito aromatico e una manciata di polpa ti pomodoro tagliata a striscioline. Irrorate con un filo di olio e proseguite allo stesso modo con altri due strati. Sull’ultimo strato sistemate le patate tagliate a spicchi; bagnate con il vino bianco, salate le patate, mettete il coperchio e portate a ebollizione a fuoco moderato. Proseguite la cottura con fiamma al minimo per almeno 2 ore, senza mescolare.