È il Brut Millesimato Metodo Classico Rosé prodotto dall’azienda San Salvatore a Stio (Sa)

Feste senza champagne? La notizia data da noi de ilGolosario.it del no di Hollande allo champagne, ha fatto discutere. Possibile che la Francia "rinneghi" un suo simbolo? Al di là del dibattito che ne è seguito, che ha visto gli opinionisti interrogarsi polemicamente sul fatto se all'ombra della Tour Eiffel d'ora in avanti si berranno Trentodoc, Asti, Franciacorta o Prosecco?
Dicembre è mese di brindisi. E il nostro paese si sta facendo onore sui mercati internazionali, stupendo il mondo con produzioni spumantistiche d'eccellenza. Dimostrazione ne è la notizia di questi giorni che nel cuore della Borgogna, a Digione, al concorso "Les meuilleurs effervescents du mondè", l'Italia è seconda nel medagliere con quattro ori su un totale di 35 assegnati (18 alla sola Francia), e con nove medaglie d'argento. E altra conferma è venuta dal fatto che a Golosaria il pubblico è rimasto stregato dal Trentodoc.

Oggi vogliamo farvi conoscere una chicca di una terra non certo celebre per i suoi spumanti. È Joi, spumante Brut Millesimato Metodo Classico Rosé 2011. Lo produce l'azienda agricola San Salvatore (tel. 08281990900) di Stio (Sa). Realtà che opera nel Cilento, che ha allevamento di bufale (450) e quasi 100 ha di terreno con frutteti, ulivi, bosco e vigneti, seguiti secondo i dettami della biodinamica (i concimi, ad esempio, sono ottenuti con ciclo biodinamico integrato di recupero completo delle lettiere delle bufale dell'azienda, alimentate anch'esse solo con i prodotti della terra, che con i loro zoccoli amalgamano naturalmente paglia e letame e consentono di ottenere un concime biologico sano e altamente nutritivo).

Tra i vini prodotti, colpisce Joi, Brut Rosé da uve aglianico in purezza. Di colore rosa tenue, scarico, che ricorda la buccia di cipolla. Ha perlage fine e persistente. Al naso è intenso con note di frutti di bosco. Mentre al palato sorprende per la sua forza, per il sorso fresco ed equilibrato, per la sua persistenza. Un Rosé ideale a tutto pasto, che si sposa in modo ideale a zuppa di pesce, carni bianche e formaggi di media stagionatura.

E che i brindisi inizino!