Anche Andrea Voltolini della redazione de IlGolosario ci ha indicato i dieci “irrinunciabili” prodotti che vorrebbe avere nella sua dispensa in questo periodo di quarantena

Il prosciutto crudo del prosciuttificio brianzolo Marco d'Oggiono di Oggiono (Lc
Un’avventura imprenditoriale familiare iniziata nel 1945 e che prosegue con successo dalla seconda generazione, ovvero i fratelli Dionigi, Agnese e Giulia. Il loro prosciutto è unico. Saporito e con una dolcezza al palato che lo rende subito riconoscibile.

Il salame e lo speck d’oca di Quack-Cascina Madonnina (Pregnana Milanese, Mi)
La loro cascina, nella quale vengono allevate oche secondo i dettami del biologico, è una delle prime mete da appuntarsi finito lo stato di emergenza (è anche azienda agrituristica). Per ora, godiamoci la prelibatezza dei loro piccoli insaccati dal gusto inimitabile.
3-cascina-madonnina.jpgLa Tigella de Il Montanaro di Zocca (Mo) 
Un semplice impasto di acqua, farina, sale e latte, che appartiene alla storia e alla tradizione di questo versante dell’Appennino Modenese. Ilvano Prostrati, il re indiscusso di questa specialità, usa ancora i dischi di argilla per cuocere le sue tigelle, prima di confezionarle sottovuoto. Riscaldatele e farcitele con i salumi, i formaggi e persino miele o marmellata. Non ne potrete più fare a meno.
6-tigelle.jpg• La Fontina Valdostana è uno di quei formaggi senza rivali, in grado di raccontare un intero territorio. Quella d’alpeggio, poi, tocca vette inarrivabili grazie a quel sapore intenso dei fiori e delle erbe fresche di cui sono ricchi i pascoli estivi. Che aggiungere d’altro? La filiera è garantita al 100% dal locale Consorzio Produttori e Tutela della Dop Fontina. Non resta che cibarsene a volontà.
4-fontina.jpg• Gli agnolotti del plin di Cucina delle Langhe (Dogliani, Cn) 
Da milanese trapiantato in Piemonte, è stato colpo di fulmine autentico. Da condire semplicemente con burro e salvia. Il sapore delle cose antiche per il mondo che verrà.
2-agnolotto.jpg• La vellutata di legumi dell’azienda biologica umbra Bettini di Preci (Pg) 
Anzi, raddoppio, e dico “le vellutate” perché ci sono quella di lenticchie di Castelluccio che contiene solo farina di lenticchia di Castelluccio di Norcia Igp e brodo vegetale, dal gusto pieno e naturale; e quella di ceci all'italiana, di cicerchia e di piselli, tutte rigorosamente senza glutine, quindi adatte proprio a tutti. Anche per questo prodotto, vale l’ultima frase del capitolo precedente. (E qui raccolgo anche l’entusiasmo di Paolo Massobrio che in questi giorni di vita familiare ha apprezzato proprio questo prodotto con un filo d’olio extravergine di oliva umbro (Viola di Foligno, per l’esattezza).
7-bettini.jpg• Il peperoncino piccante 
Declinato. Interpretato. Illuminato. Come quello proposto dal sommo Vincenzo Barbieri di Altomonte (Cs): in vasetto come crema, all’olio extravergine, all’aceto di vino bianco, o ancora in polvere o spezzettato. Ogni sera, un tipo diverso. Purché ci sia.
10-peperoncino.jpg• Da casa mia vedo in lontananza il fiume Tanaro. Ed è un attimo sognare un filetto di trota sulla tavola. Occorre spostarci però sul Tagliamento e raggiungere Friul Trota, eccellenza assoluta in questo settore, creata da Mauro Pighin. Affumicati a freddo o a caldo, i loro filetti di trota sono davvero una prelibatezza con il valore aggiunto salutistico.
5-friultrota.jpg• Non di solo salato si vive. Pensi allora al cioccolato e il primo nome che mi viene in mente è Guido Gobino (scusate se è poco). Maestro assoluto e indiscusso, non necessita di ulteriori commenti. Basta nominare una parola “gianduiotto” con la sublimazione del Tourinot Maximo. Ed è subito felicità. (Fra l’altro proprio in questi giorni ha lanciato il suo e commerce per non privare di buon umore gli italiani in casa, link)
9-gobino-gianduiotto-ok.jpg• Degnissima conclusione di ogni cena in periodo di quarantena, un amaro. Anzi, l'Amaro con la A maiuscola. Quel Toccasana Negro realizzato anni addietro da Teodoro Negro di Cessole (At) con ben 37 erbe officinali, e oggi portato avanti con successo dal nipote Walter Porro insieme al gruppo Toso. Rimane unico. Rimane inimitabile.
toccasana.jpg