Il progetto Boccone del Prete incontra Àmati!

Cristina Giacomelli è un’appassionata di cucina, ma non nel senso generico del termine - in fondo tra noi italiani, chi oggi non è un appassionato di cucina? - ma nel senso più vero e profondo. Dopo gli studi di giurisprudenza, decide di dedicarsi anima e corpo ai fornelli spinta dall’amore per la buona tavola e dalla sua esperienza di vita familiare che l’ha condotta da Parma alla Sardegna. Nella bella isola del Mediterraneo ha seguito le orme del padre che si occupava dei lavori della campagna lasciandosi trasportare dal ritmo delle stagioni. La casa di famiglia era sempre aperta a tutti e Cristina impara a cucinare anche per 30 o 40 persone, traendone gioia. Di quel periodo dice che “Il cuore era l’orto, la casa era l’anima”.

Al suo rientro nel continente nasce il progetto Boccone del Prete (www.bocconedelprete.it): una cucina a domicilio seguita in ogni dettaglio da Cristina, che si occupa dell’acquisto delle materie prime (fatto in loco presso negozi e produttori di fuducia, selezionati nel tempo), di portare pentole e attrezzature e di cucinare (da sola!) anche per 60 persone.

Poi a novembre 2014, a Golosaria, l’incontro con un altro interessante progetto: Àmati! che propone un nuovo modo per prendersi cura di sé attraverso il cibo. È iniziata così una sinergia tra i due fronti, con Àmati! che offre un supporto medico-scientifico, grazie all’esperienza di medici esperti in patologie legate al tratto gastro-intestinale e alla collaborazione con università prestigiose, e Cristina Giacomelli che concepisce una serie di ricette che seguono i principi della sana alimentazione del progetto Àmati! e che le propone alle famiglie grazie ai corsi che organizza e alla sua attività di Delivery. Sono tanti i possibili futuri sviluppi di questa collaborazione e noi siamo pronti a seguirli tutti! Ma intanto chi volesse contattarla e conoscerla ai fornelli di casa propria, uno sguardo al suo sito non è niente male!