La "ri"scoperta del Verdese Igt Terre Lariane "La moglie del Re"

Questa settimana su La Stampa Paolo Massobrio racconta del suo viaggio a Domaso (Co), dove era già stato anni fa per intervistare il professor Miglio, quando stava iniziando la sua avventura politica. Oggi invece ha incontrato Emanuele Angelinetta, che cura la cantina che era stata del professor Miglio e poi del figlio Leo.

Massobrio è stato "ri"conquistato dal Verdese Igt Terre Lariane “La moglie del Re”, di colore giallo paglierino e profumi floreali abbastanza intensi. In bocca è equilibrato e si abbina perfettamente agli agoni del lago, ma è perfetto anche come aperitivo.

Gli altri vini assaggiati sono stati il bianco le Calderine, il Rosato Roselario e poi i due rossi: il Cà del Mot da uve marzemino e merlot, che è molto gradevole e il Pietrerose 2015 in parte da uve merlot surmature, che è ancora una promessa, che si farà con il tempo. Le Cantine Angelinetta sono state una scoperta, o meglio, una riscoperta.

Cantine Angelinetta
Via Pozzolo, 16
Domaso (Como)
tel. 328 5742357