• ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario

Cerca tra 2565 ristoranti, 3165 cantine, 4378 negozi e molto altro

CERCA
Chiudi Menu

Le Notizie del giorno 26/05/2016

La notizia

La notizia

Riscoprire il valore della convivialità, lontano da tablet e telefoni cellulari. E’ l’intento dell’iniziativa lanciata a Torino dall’hamburgeria di Eataly, che mette a disposizione dei propri clienti la Black Phone, una cassetta di sicurezza nera chiusa a chiave dove chi lo desidera può “segregare” il suo smartphone durante il pasto. “Mi è bastato osservare cosa facevano le persone che mangiavano da noi per capire che era arrivato il momento di fare qualcosa - ha commentato il titolare Fabrizio Cardamone, ideatore dell’iniziativa - “Quello che però sembrava un esperimento ha riscosso un successo inaspettato, e ora non abbiamo abbastanza scatole per tutti”. Un’idea piaciuta a tal punto che il circuito delle hamburgerie di Eataly esporterà la scatola in altre 7 sedi italiane. E ai clienti che parteciperanno verrà offerta in regalo anche una scatola di biscotti. (La Stampa) @ Un’Italia fatta di moda, agricoltura, cibo e cuochi  “Eletti a modello sociale e culturale, a opinionisti e classe dirigente”: E’ l’affondo del giornalista Filippo Astone, che in un’intervista su Italia Oggi critica l’immagine che emerge dell’Italia e dice: “La ristorazione, l’agricoltura e il turismo, nel loro complesso generano lavori di bassa qualità, di basso livello e di basso slargo. Al contrario dell’industria, che alimenta ingegneri, università, dirigenti, manager e tecnici di qualità. (…) Non capiamo l’eccellenza che la manifattura riesce ad esprimere. Prenda il pomodoro San Marzano: un’eccellenza agricola che senza l’industria potrebbero gustare in pochissimi. E non solo per l’industria dei pesticidi, ma per tutta quella industria meccanica che serve a coltivare, raccogliere, a stoccare e distribuire questo prodotto”. @ Novità in arrivo per la ristorazione di Torino. Al 35esimo piano del grattacielo di Intesa San Paolo, dal prossimo 28 giugno arriverà “Piano35”, il ristorante guidato dallo chef Ivan Milani che si inserisce nel sistema gastronomico voluto dall’Istituto di credito cui si affiancheranno una caffetteria al piano terra e un lounge bar aperto a tutti. “Questo grattacielo è stato pensato come uno spazio aperto alla città - ha ricordato il presidente di Intesa SanPaolo Enrico Salza, mentre chef Milani ha anticipato: “Ho in mente una tavola abbordabile, non proibitiva: qui si mangerà con 70-80 Euro (ah ah ah, ma che idea di abbordabile hanno da quelle parti ? Ndr) molti potranno permetterselo (sicuro!? Ndr). (La Repubblica) @ Nuovi ingressi anche in quel di Milano, che dal 2017 accoglierà in Galleria Vittorio Emanuele anche Carlo Cracco. La notizia arriva a seguito della risoluzione del contenzioso fra Palazzo Marino e il Bar Sì, attuale inquilino dei locali destinati allo chef. La conciliazione, approvata ieri dalla Giunta, prevede anche un indennizzo di 117mila euro per il rilascio anticipato degli spazi da parte di Bar Sì. (La Repubblica ed.Mi) @ Auguri alla famiglia Cerea, titolare del ristorante “Corona Radiosa” Da Vittorio di Brusaporto, che festeggia 50 anni in cucina con una serie di eventi speciali. Su Panorama Fiammetta Fadda ripercorre le tappe di mezzo secolo di successi e mette sul piatto grandi numeri: 7mila eventi legati alla moda, 220 eventi istituzionali, 4mila matrimoni e 200 summit politici.@ Nuova versione pop per la "Rinomata Offelleria Perbellini" di Bovolone (Verona), che dopo un restauro durato 3 mesi riaprirà domani (ore 15.30) con qualche novità: "Il nuovo look ci consente di riportare in primo piano i nostri prodotti, che da domani saranno disponibili anche in box già confezionati per chi ha poco tempo a disposizione ma non vuole rinunciare alla pasticceria gourmet - ha annunciato il Maestro pasticcere Giovanni Battista Perbellini - È un cambio pelle che ci proietta verso il futuro ma che non rompe con la nostra tradizione, anzi".

La seconda primavera delle api e la follia del gatto vegano

La seconda primavera delle api e la follia del gatto vegano

Pompieri e apicoltori al lavoro senza sosta per rimuovere le api in cerca di una nuova casa da parchi e scuole milanesi. Il ritorno del freddo e il successivo innalzamento delle temperature ha indotto gli insetti a un’altra stagione di migrazioni, portandoli a sistemare i loro alveari sotto i cornicioni dei balconi, nei parchi cittadini oppure su semplici cespugli. Una situazione che ha fatto lievitare le richieste di rimozione da parte dei milanesi, costringendo gli addetti ai lavori a fare gli straordinari. “Il riscaldamento globale e i cambiamenti climatici hanno modificato il comportamento degli insetti, che stanno sciamando per la seconda volta” ha confermato l’apicoltore Antimo Antuamo. (La Repubblica ed.Milano) @ Anche i gatti diventano vegetariani. Non uno scherzo, ma l’ultima (pericolosa) moda che coinvolge gli amici a quattro zampe e che sta portando il mercato del pet food ad orientarsi sempre più spesso sui mangimi vegani. Una tendenza che non piace ai veterinari, che mettono in guardia da inevitabili rischi: “Il gatto ha estremamente bisogno della carne per far lavorare bene il suo organismo - ha confermato Nicola Galli - Costringerlo a nutrirsi soltantoo di vegetali vuol dire condannarlo a morte”. (Libero) 

Rubriche e Appuntamenti

Rubriche e Appuntamenti

Due bianchi che vale la pena conoscere, clamorosi per la Valle d’Aosta, al Top dei bianchi italiani”. Così Paolo Massobrio, su La Stampa di oggi racconta i vini di Elio Ottin, tra cui spicca il Vallée d’Aoste Petit Arvine che profuma di miele, agrumi e frutta tropicale. @ Sulla stessa pagina “Doctor Chef” Federico Francesco Ferrero scrive dei pilastri attorno a cui ruota la cucina italiana e lancia un appello: “E’ tempo di introdurre nelle scuole l’educazione al gusto. Perché la tutela del nostro patrimonio non è una questione di orgoglio, ma di cultura”. @ Intanto, Rocco Moliterni intervista Dimitrios Tsananas, lo chef alla guida delle cucine del Met Hotel di Salonicco che a proposito della sua cucina confida: “E’ moderna e creativa. Punto a valorizzare i prodotti del territorio greco”. @ Edoardo Raspelli questa  settimana recensisce, o meglio “stronca”, i piatti del ristorante D’O di Cornaredo (MI) e scrive: “Oldani bravo, ma la sua cucina punta troppo sull’apparenza”, affibbiandogli il senza voto che già' in passato ebbero l'onore di avere Gualtiero Marchesi e Massilmiliano Alajmo. (Stampa) @ Si è tenuta ieri pomeriggio, negli spazi del nuovo Design Food Village allestito nel cortile della Fabbrica del Vapore di Milano la conferenza stampa di presentazione di “Peperò, 67esima Sagra del Peperone” di Carmagnola e della “20esima Mostra Regionale della Toma di Lanzo e dei Formaggi d’Alpeggio” di Usseglio, appuntamenti d’eccellenza della provincia torinese che hanno presentato in tandem i loro prodotti di punta e i programmi delle rispettive manifestazioni, in calendario nei mesi di luglio e settembre. Testimonial d’eccezione dell’appuntamento il nostro Paolo Massobrio (nella foto con gli organizzatori). @ Ma Paolo Massobrio sarà anche tra i protagonisti dell’ultima puntata della stagione de La Prova del Cuoco, il programma di Rai Uno condotto da Antonella Clerici cui parteciperà in qualità di giudice.

L'assaggio

L'assaggio

E’ con i prodotti di Pane Bio Ceres (via Monsignor Bellotti, 16 - tel. 0458900586) di  San Massimo (VR). Un panificio in cui Francesco Adami e Marisa Tanara affiancano alle materie prime biologiche una selezione diretta di cereali macinati a pietra, prestando particolare attenzione anche ai processi di lievitazione con l’utilizzo della pasta madre non solo per il pane ma anche per il resto della produzione. Nascono così anche i prodotti confezionati, i biscotti e l’ampia proposta di gallette salate, tra cui le azzime di grano duro con i semi di chia e di kamut o le gallette di farro con le alghe. Su ilGolosario.it l’approfondimento di Fabio Molinari.

Il Vino

Il Vino

E’ il Metodo Classico Tradizionale Spumante Brut Cuvée 2012 di Terrazze dell'Etna (tel.091 6236343) di Randazzo (Ct). Dal colore giallo paglierino con riflessi verdolini, ha perlage fine e di buona persistenza, naso di frutta gialla e note di spiccata mineralità, gusto fresco e di buon equilibrio, e lunga persistenza. Un metodo classico di notevole classe. 

CONDIVIDI
Facebook Twitter GooglePlus