• ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario

Cerca tra 2565 ristoranti, 3165 cantine, 4378 negozi e molto altro

CERCA
Chiudi Menu

Le Notizie del giorno 21/05/2018

Golosaria a Bassano entra nel vivo

Golosaria a Bassano entra nel vivo

Golosaria a Bassano si presenta ufficialmente stamane, con tutte le novità dell’ultima ora. Nel Palazzo Comunale di Bassano del Grappa quest’oggi è stata presentata la prima edizione “on the road” della rassegna che domenica 3 giugno accenderà i riflettori sulle eccellenze made in Veneto.  IL formatè completamente rinnovato e prevederà una passeggiata golosa lungo il Brenta per poi culminare a Villa Angarano, presidiata dai produttori del Golosario. Contemporaneamente al Sant’Eusebio dell’Hotel Alla Corte, sarà ospitata l’enoteca con i migliori vini del Triveneto ma anche una serie di laboratori di Molino Quaglia, con un affondo sul binomio tra cocktail e lievitati. Tutte le info su www.golosaria.it

La Notizia

La Notizia

Il fenomeno del food delivery? Un mercato pronto ad esplodere, ma al momento in rosso. Per i marchi delle consegne a domicilio tra cui Deliveroo, Foodora e Just Eat cresce il fatturato, ma solo l’ultima riesce a chiudere in attivo. Il motivo? Nel modello di business. Just Eat funziona come aggregatore, un trait d’union tra clienti e ristoranti che, rispetto alle insegne concorrenti non utilizza logistica né riders (sono gli stessi locali a provvedere alle consegne). Marco Cobianchi sul Giornale di domenica. @ La Germania tradisce le sue “bionde”. Sull’onda di un drastico calo dei consumi interni, anche la Corte Federale teutonica mette al palo la birra, vietando di definirla salutare. Al centro del dibattito il termine bekommlich, utilizzato in molte campagne pubblicitarie per associare alla birra l’idea di un prodotto ben tollerato dall’organismo, ma in realtà poco “digerito” dalla Corte, per cui la parola non dovrà più essere utilizzata per scopi pubblicitari. (Il Giornale di sabato) @ Patate, olivi e lattuga si potranno coltivare nello spazio, o anche in metrò. L’agritecnologia continua a crescere e nel 2017 ha raggiunto un giro d’affari di 900 milioni di euro. Intanto, da Enea arriva il primo microcosmo per le coltivazioni al chiuso. “Un vero e proprio ecosistema - spiega il ricercatore Luigi d’Aquino - diverso dalle serre e dalle camere di crescita tradizionali, in grado di replicare fedelmente in laboratorio quello che avviene in campo”. (La Stampa) @ Buon momento per i formaggi, che nel 2017 hanno registrato un aumento nelle vendite del +2,5%. Un risultato che, secondo Nielsen, è dovuto principalmente al recupero dei consumi interni, ma anche all’aumento dell’export, che ha superato i 2,6 miliardi di euro. In crescita tutte le tipologie: dai formaggi molli (+1,2%) a quelli duri (+1,7%) fino ai freschi (+1,8%). (QN)

Elisir di lunga vita, la carica dei nappo-chef e ristotruffe

Elisir di lunga vita, la carica dei nappo-chef e ristotruffe

L’elisir di lunga vita? Niente regole fisse e bando alla noia. Sono solo due dei consigli inseriti ne “Il segreto della longevità. Il metodo giapponese per vivere 100 anni”, il libro che la scrittrice Junko Takahashi ha scritto indagando sulle vite dei centenari del Giappone. Un viaggio attraverso i loro usi e costumi che ha messo in luce come, per godersi la vita a lungo e restando giovani, sia fondamentale fare sport, amare, lavorare ma anche godersi la vita. (Il Giornale) @ L’intelligenza vien mangiando. Parola di Lisa Mosconi, la neuroscienziata italiana che su Libero di oggi indica i 10 cibi che nutrono il cervello contribuendo a migliorarne le prestazioni: dal cioccolato al caviale, passando per il miele e le cipolle. “Il cervello - spiega - ha bisogno anche di 1,5 litri di acqua al giorno. Anche una diminuzione del 3-4% può causare sintomi come mente annebbiata, affaticamento, vertigini e confusione”. @ In Italia arriva la carica dei nippo-chef. Dal vice di Bottura Taka Kondo alla chef del Bikini Fumiko Sakai, i secondi dei grandi chef sono riservati e secchioni, ma regalano ai piatti della tradizione il tocco in più tipico dello sguardo forestiero. Ma niente sushi; solo risotto, carni e ingredienti tipici della tradizione mediterranea. Isabella Fantigrossi sul Corriere della Sera di sabato. @ Si è finto cuoco per farsi assumere in diversi ristoranti e poi scappare con il bottino. E’ il “business” criminale avviato da un cuoco-truffatore che, dopo aver disseminato il web di annunci di lavoro, ha prestato servizio in alcuni ristoranti di Milano, salvo poi darsela a gambe con un sostanzioso gruzzolo di denaro. La denuncia è arrivata da uno dei (molti) ristoratori truffati, che ai carabinieri ha raccontato: “Ha scelto di colpire nel turno di prova; quando molti proprietari testano i candidati senza fare il contratto. In nero. Una cosa difficile da spiegare alle forze dell’ordine al momento della denuncia”. (Corriere della Sera Milano) @ E in tema di ristoratori derubati, non se la passa bene neppure Massimo Bottura, vittima di un furto nella sua abitazione privata. Un avvenimento analogo era caduto già quattro anni fa, ma questa volta la casa non era vuota: nell’appartamento erano presenti la moglie dello chef, Lara Gilmore, e il figlio, che si sono trovati di fronte uno dei malviventi mentre frugava in camera da letto. Lo spavento è stato grande, ma fortunatamente il ladro si è dato alla fuga senza aggredire nessuno.

Il vino di Monza e la capsula nata nel segno del jazz

Il vino di Monza e la capsula nata nel segno del jazz

Monza brinda con il primo vino della città. Ieri, su un terreno di 4.000 metri quadrati di proprietà della Fondazione Tavecchio, sono stati inaugurati un orto e un vigneto destinati a diventare uno spazio didattico e inclusivo per disabili, studenti e richiedenti asilo. Il nome del progetto, che coinvolge anche il Gruppo Meregalli e il Comune di Monza, è “Tutti giù per terra. Accolti e raccolti”: i lavori di preparazione sono iniziati da un mese e per la vendemmia occorrerà aspettare almeno 3 anni per bere il primo bicchiere di “Vino della Reggia”. (Corriere della Sera) @ Da leggere, su Avvenire, anche la storia della Everton di Tagliolo Monferrato (Alessandria), l’azienda produttrice di tè verde che nell’Andhra Pradesh, in India, ha fondato un villaggio per avere una filiera etica e solidale. @ Intanto, dalle notti insonni di una jazz band nasce anche la capsula da caffè riciclabile. Il suo nome è WayCap e ad inventarla sono stati i membri del gruppo torinese Trio Madama, che ora esportano il loro involucro in tutto il mondo. “Durante le prove notturne della nostra band - spiegano i soci fondatori - ci siamo accorti di quante cialde consumavamo. E abbiamo provato a ideare un sistema capace di inquinare meno”. (La Stampa) @ Auguri a Grom. La catena di gelaterie nata in Piemonte festeggia i 15 anni dall’apertura del primo negozio con una serie di novità: un look rinnovato per le gelaterie, una serie di nuove aperture e, soprattutto, il primo prodotto confezionato, un biscotto gelato in vendita dai prossimi giorni nei bar. Senza dimenticare l’estero; dopo essersi stabiliti in nove Paesi, gli inventori Federico Grom e Guido Martinetti inaugureranno a breve altri due punti vendita a Lisbona e Shangai.

L'assaggio

L'assaggio

All’Alberti Caffè & Bistrot (via Provinciale, 235 fraz. Ponzone - tel. 334 3963041) di Trivero (BI). Un locale polifunzionale in cui fermarsi per la colazione, l’aperitivo, il pranzo o la cena. Nel pieno rispetto della formula del bistrot, il menu è composto da tre o quattro antipasti e primi e un paio di secondi, che variano tra carne e di pesce. Da provare la trota affumicata di frutta e verdura, il risotto con crema di basilico e scampi e la tagliata di angus con carciofi e guanciale. Su ilGolosario.it la sosta di Arnaldo Cartotto.

Il Vino

Il Vino

Il Moscato Secco ‘A Cengia di Cà Lustra di Franco Zanovello (tel.0429 94128) di Cinto Euganeo (PD). Giallo paglierino con riflessi oro, al naso ha tipiche note aromatiche, sentori di glicine e acacia, note minerali caratteristiche, sentori di frutta gialla, mentre al palato è secco e sapido, equilibrato, di buona persistenza. Ideale con piatti di mare, dai crudi ai primi piatti, ai pesci di grossa pezzatura cucinati al forno o alla ligure. Marco Gatti su ilGolosario.it.

CONDIVIDI
Facebook Twitter GooglePlus