• ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario

Cerca tra 2565 ristoranti, 3165 cantine, 4378 negozi e molto altro

CERCA
Chiudi Menu

Le Notizie del giorno 11/06/2018

La Notizia

La Notizia

Arriva una nuova carta per tutelare la biodiversità delle api italiane. Sarà presentata domani alla Fondazione Edmund Mach di San Michele All’Adige (Tn) e spiegherà il crollo del numero di esemplari attraverso diversi motivi: agrofarmaci e anticrittogamici, ma anche estinzione delle api selvatiche (per colpa delle specie aliene) e tecniche di allevamento errate (come il traslargo che permette di creare un numero di regine dal patrimonio genetico identico distruggendo la biodiversità). Ne parla Susanna Tamaro sul Corriere della Sera. @ La notizia della scomparsa di Anthony Bourdain viene ripresa su giornali e media di tutto il mondo: narratore del cibo (e non semplicemente chef) Bourdain era diventato famoso negli anni Duemila con il libro Kitchen confidential seguito da una serie di fortunati reportage televisivi attraverso cui ha raccontato il mondo a tavola. @ Quanto pesa l’obesità sull’ambiente? Se lo è chiesto addirittura l’indagine di un docente italiano, il professor Mauro Serafini, che ha provato a misurarlo in termini di spreco di cibo e di CO2. Il commento su Il Fatto Quotidiano che sarcastico titola: “Poveri ciccioni inseguiti dai fissati delle diete e pure da Greenpeace”. @ Non fare i nottambuli aiuta a mangiare in modo più regolare. Secondo uno studio americano si è visto che i giovani tiratardi avevano una maggior probabilità di consumare più bevande zuccherate e con caffeina e cibi ad alta densità energetica, ma meno valore nutrizionale. (Corriere della Sera di domenica) @ Iniziativa nel segno della solidarietà sull’asse Romagna-Calabria. Un imprenditore del Nord, dopo l’ennesimo furto, dona 170 piante di kiwi alla cooperativa Valle del Marro che coltiva terreni confiscati alla 'ndrangheta.

Boom di ortofrutta, lavanda pavese e l'impresa delle donne pastore

Boom di ortofrutta, lavanda pavese e l'impresa delle donne pastore

Record di vendite per l'ortofrutta. Nel 2017 le famiglie italiane hanno consumato 8,5 miliardi di chilogrammi di frutta e verdura, in aumento del +2,2% rispetto al 2016. Una tendenza proseguita anche nei primi mesi del 2018, con un’impennata nelle vendite (+11%) di frutta e verdura confezionata rispetto alla sfusa, in linea con il trend che vede utilizzare sempre meno sacchetti compostabili. (Corriere della Sera) @ Meno dazi e tariffe, ma anche meno concorrenza sleale e, di conseguenza, meno “falsi alimentari”. E’ quanto richiesto da Coldiretti, che in occasione del G7 è scesa in campo a fianco degli agricoltori contro la nuova stagione degli accordi commerciali bilaterali, tra cui anche il CETA, ma anche contro le prime ipotesi di riforma della Politica agricola comune (Pac), che prevede per l’Italia un taglio di circa 2,7 miliardi di euro. Per l’associazione “Occorre garantire una più equa distribuzione delle risorse tra gli Stati, superando gli squilibri che hanno caratterizzato il passato”. Andrea Zaghi su Avvenire di domenica. @ E di agricoltura si parla anche su La Verità di sabato, con un affondo di Carlo Piano che delinea le prime mosse pensate dal nuovo ministro Gian Marco Centinaio per rilanciare il settore primario, che genera 48 miliardi l’anno e occupa il 12% dei lavoratori. Tra gli obiettivi primari, spiega Piano, difendere il made in Italy e alzare la voce con l’Europa. Facendo lobby con Francia e Spagna, anch’esse penalizzate dai tagli Pac. @ Anche l’Italia vanta i suoi campi di lavanda. Sul Corriere della Sera è da leggere la storia di John e Elena Mercandelli, che dal 2011 coltivano lavanda sulle colline di Godiasco Salice Terme, in provincia di Pavia. @ Sempre sul Corriere è anche da leggere l’approfondimento di Riccardo Bruno sulle donne pastore. Un’opera avviata dalla paesaggista Anna Kauber e portata avanti da Sara Simonetti, Renata Tollardo e Luana Usei per evitare l’estinzione delle razze locali, dalla cornigliese alla Rosset, alla Lamon. “La vita da pastore è difficile - confidano - ma rende felici”.

Igiene orale nei secoli, epopea delle ciliegie e aragosta fluo

Igiene orale nei secoli, epopea delle ciliegie e aragosta fluo

Polveri abrasive con mattoni frantumati, pane bruciato, ma anche ostriche, setole di cinghiale e…pipì. Sono solo alcune delle modalità utilizzate dagli antichi per pulirsi la bocca. L’igiene orale ha fatto passi da gigante (grazie al Cielo ndr), ma ancora oggi un italiano su tre dichiara di lavarsi i denti soltanto una volta al giorno, e spesso anche nel modo sbagliato. Su La Verità di domenica un approfondimento di Jessica D’Ercole spiega come è cambiato l’approccio nei secoli e verso quali strade la cura della bocca si sta avviando. @ Su La Verità Giancarlo Saran riporta alcune curiosità legate alla storia millenaria delle ciliegie, il “frutto del paradiso arrivato come trofeo” che giunse in Italia nel 72 a.C con il console romano Lucullo in ricordo della vittoria su Mitridate in Turchia. Esportate dal Veneto in Germania su vecchi bombardieri, furono anche il frutto prediletto del Re Sole, che piantò a Versailles diverse piante di ciliegi per dare materia prima agli ebanisti. @ Esiste un vino adatto per ogni libro. Ne è convinto Gianluca Veneziani, che su Libero affida al sommelier Filippo Bartolotta l’abbinamento tra autori e calici di vino: dal Bordeaux per il Signore degli Anelli al Morellino di Scansano per tutti i romanzi di Fabio Volo; dalle opere di Shakespeare che si leggono con il Pinot ai poemi di Omero, per cui è preferibile il Chianti. Senza dimenticare i politici: mentre a Salvini è associato il Primitivo di Gioia del Colle, a Di Maio spetta uno Chardonnay, il premier Conte è un Merlot della Valle Isarco, Mattarella è un Trebbiano d’Abruzzo e Berlusconi la Vernaccia di Oristano. @ E di letteratura alcolica si parla anche su Avvenire, dove Filippo Rizzi presenta “Sbornie sacre, sbornie profane. L’ubriachezza dal Vecchio al Nuovo Mondo”, il volume in cui lo storico Claudio Ferlan ripercorre i riti e la simbologia di una “mistica del vino”, utilizzata come strumento di conquista ed evangelizzazione dalla notte dei tempi. @ Quella aragosta è fluorescente. E’ la scoperta fatta da alcuni dipendenti di un supermercato del Massachussets, che hanno trovato un’aragosta fluorescente nella fornitura ittica arrivata dalla Nuova Scozia. Il crostaceo, un raro esemplare frutto di una mutazione genetica, è stato affidato al New England Aquarium di Boston. (QN).

Ho capito bene?

Ho capito bene?

I cibi più gettonati sulla spiaggia? Insalate, caprese e macedonia. In fondo alla classifica lasagne e polpette. Sembra incredibile ma si legge anche questo sondaggio “da ombrellone”, firmato Coldiretti-Ixè e ripreso da QN che dedica una pagina, tra dati e nostalgia. La novità dell’estate 2018, secondo Coldiretti, è la richiesta di benessere a tavola a discapito dei tradizionali piatti di polpette, lasagne e parmigiana (anche se questi piatti in spiaggia non si vedono più dai tempi dei film di Bombolo e Lino Banfi). E per il dolce? Non c’è nel sondaggio, ma possiamo scommettere che il gelato supera i cioccolatini: dobbiamo però aspettare il prossimo sondaggio per avere la certezza.

L'assaggio

L'assaggio

Quello di oggi è con Amarò, l’amaro analcolico ideato da Dario Pullin e prodotto da Kura Kura (via L.Massignan, 10 • tel. 348 2474420) di Vicenza (VI). Ottenuto dalla lavorazione di erbe officinali dalle proprietà tonico digestive, depurative e intossicanti. Contiene solo ingredienti naturali, senza alcol, zucchero o conservanti. Le principali erbe impiegate sono desmodium, bolso, carciofo e cardo mariano, ma anche tarassaco, rabarbaro, arancio, salvia, melissa, menta, genziana, liquirizia e anice stellato. L’approfondimento di Alistra Silva su ilGolosario.it.

Il Vino

Il Vino

Il Torcolato Riserva San Biagio prodotto a Bassano del Grappa (VI) da Villa Angarano (tel. 0424 503086). Dal colore ambrato, profumi di agrumi, e in particolare di cedro candito, sentori di albicocca e note di nocciole, dal sorso dolce ma non stucchevole, elegante, e di persistenza infinita. Marco Gatti su ilGolosario.it.

CONDIVIDI
Facebook Twitter GooglePlus