Sangiovese di Romagna Superiore Riserva “Cornelianum” - Sangiovese di Romagna Superiore “Orione” - Colli di Rimini Rosso “Battarreo” (cabernet s., sangiovese, merlot) - Colli di Rimini Rebola Secco “Isotta”
TOP HUNDRED Sangiovese di Romagna Superiore “Beato Enrico”

Clicca qui per leggere l’articolo di Paolo Massobrio uscito su I Giorni del Vino (Einaudi, 2009)




Clicca qui per leggere l’articolo nella pagina Facebook I Vini del Golosario




Clicca qui per leggere l’articolo nella pagina Facebook I Vini del Golosario


Testo publiredazionale

LA FAMIGLIA
Agli inizi degli anni ’60, mentre le campagne corianesi si spopolano, due fratelli, Giuseppe e Primo Santini, danno vita a questa azienda, di circa 28 ettari, per recuperare e dare nuovo vigore alla tradizionale coltura della vite. I due pionieri rivalutano l’autoctono Sangiovese, forti anche della competenza di Remigio Bordini, giovanissimo agronomo faentino. I risultati sono eccellenti e dagli iniziali 7 ettari di vigneti con gli anni cresce l’investimento e la sperimentazione tesa alla ricerca della migliore qualità.

Forti di esperienze commerciali, turistiche e sindacali Sandro, Francesco ed Enrico, eredi dei padri fondatori, portano avanti oggi il sogno e la missione di famiglia con una linea di prodotti esclusivi, supportati dalla capacità dell’enologo Lorenzo Landi, dalla pratica agronomica di Remigio Bordini e dalla intelligenza e cultura del professore Piero Meldini. L'azienda produce anche olio ed è agriturismo, con 4 stanze per il soggiorno. 

LA TENUTA
Le vigne, tutte collocate in prossimità della casa colonica, si estendono per 22 ettari, scendendo verso il rio Melo e idealmente sorvegliati dall’azzurro del monte Titano. Gli ambienti storici della cantina fanno parte sempre dell’edificio rurale e si compongono della zona vinificazione e della barricaia. Da qualche anno le necessità produttive hanno spostato parte dell’attività nel vecchio capannone contiguo la casa. La cantina è a disposizione per visite guidate e degustazioni.

I NOSTRI VINI
Per fare vino non basta unire ingredienti di ottima qualità, ma occorre avere un rapporto stretto con il proprio territorio. I nostri prodotti sono figli di questo sodalizio: l’unione tra la nostra sensibilità con le caratteristiche più genuine della propria terra. 
Il Beato Enrico è un sangiovese in purezza, che nasce da un clone tradizionale, quello della vigna Frà Lorenzo. Il prodotto è affinato per metà in tini d’acciaio e per metà in barriques di terzo passaggio.
Il Cornelianum è espressione di sangiovese e syrah, in percentuali diverse, che garantiscono da una parte una trama sostenuta e dall’altra un corredo aromatico di tutto rispetto.
Il Battarreo, I.G.T. Rosso Rubiconde, fin dalla prima annata (2003) ha voluto rappresentare l’espressione “Bordolese” del territorio riminese.
Il Sassatello Sangiovese I.G.T. è una miscellanea dei vitigni presenti in azienda vinificati ed affinati in acciaio, principalmente a base sangiovese, generoso e di vivace ruvidezza. 
Il Sassatello Bianco Rubicone IGT è prodotto con uve selezionate non aziendali. La versione 2016 presenta gli internazionali chardonnay, sauvignon blanc e viognier. Vinificato in acciaio.
Dalla rifermentazione in autoclave nasce il ALE Vino bianco frizzante, unione di chardonnay e sauvignon blanc, generato da un’idea di Alessandra de Maineri.
I due spumanti metodo charmat della Tenuta Santini rappresentano il tentativo di creare delle bollicine il più identitarie possibile per un territorio che storicamente non produce prodotti di questa natura. Il Rosé nasce da uve syrah; il Brut Santini da uve sangiovese e riesling.
Ultimo nato, è l'Isotta: un bianco secco 100% rebola.

Top hundred

Top Hundred 2005: Sangiovese di Romagna Superiore “Beato Enrico” 2003

Ci è piaciuto il corpo, la speziatura, la nota di freschezza che permane per lungo tempo sul palato. È un vino dalla stoffa schietta, questo Sangiovese di Romagna, rosso che vi potrete godere al meglio, accompagnandolo a una buona bistecca di carne di razza romagnola. Il promoter è il simpatico Enrico Santini, riminese doc, ma chi fa il vino è il nipote Sandro. Con il Beato Enrico ha fatto centro, e ora in cantina ci sono altri rossi da conoscere, frutto, anche, della consulenza di Lorenzo Landi. Su tutti il Cornelianum, Sangiovese Superiore di grande stoffa.