I migliori assaggi all'evento organizzato dai Barolo Boys

Barolo Boys è il nome di una squadra di calcio nata a Monforte nel 1996, di categoria amatoriale, con lo scopo di ricordare quei "terribili" Barolo Boys che con uno spirito nuovo e giovane cambiarono, a cavallo tra gli anni 80 e 90, il modo di promuovere e vendere il vino Barolo nel mondo. Gli attuali Barolo Boys sono 43 produttori che, oltre a seguire l'attività sportiva, hanno avuto l'idea anni fa, di organizzare una giornata di incontro e confronto fra il Barolo e altri vini, Barolo Boys... in fuorigioco, manifestazione che in passate edizioni ha visto avvicendarsi selezionati produttori di Valtellina, Amarone, Brunello e d'oltralpe come Bordeaux e Borgogna.

Tutto viene sostenuto dai singoli associati e, come spiega il Presidente Simone Scaletta, attraverso gadget utili come cappellini, sciarpe, polo, t-shirt, cravatte e addirittura scarpe in tiratura limitatissima con lo stesso filo conduttore del colore granato tipico del Barolo. Come accade per un trofeo calcistico. L’ultima edizione, sabato 14 maggio, ha visto la partecipazione fisica di ben 68 aziende vinicole: a fianco dei soli produttori di Barolo di Monforte, un banco di assaggio in sinergia con quelli di altri distretti vinicoli, in questo caso Etna, Franciacorta e Collio Friulano. Appassionati, operatori e produttori si sono incontrati, in un contesto intimo come quello di Palazzo Martinengo e delle Case della Saracca, entrambi edifici storici di Monforte ristrutturati con elementi in vetro e ferro, di armonico abbinamento tra antico e moderno.

Tra gli assaggi che ci hanno più colpito il Friulano 2015 di Venica & Venica, vino pieno, fresco piacevole, profumato piacevole alla beva, il 2014 Friulano di Terre del Faet con già note terziarie, lo Chardonnay 2008 di grande morbidezza e mineralità di Kante. L'Etna colpisce con rossi piuttosto intriganti: Girolamo Russo con un rosso fruttato autentico intenso e persistente, Passopisciaro con eleganza e I Custodi delle Vigne dell'Etna e Benanti con un rossi tannici e freschi. La Franciacorta propone bei vini puliti con Camossi, SoloUva, Arcari e Danesi, Vigna Dorata. Una bella scoperta Enrico Gatti con un Millesimato 2009 ricco e complesso di grande eleganza e potenza allo stesso tempo. Per quanto riguarda i produttori di Barolo notevoli tra i tanti: Ca' Brusà, azienda relativamente recente con un 2006 completo realizzato con grande abilità e maestria, Silvano Bolmida con il suo Barolo 2012 con 90 giorni di macerazione realizzato con esperienza e mano sapiente, Franco Conterno con una Riserva di Barolo 2010 emozionante, Simone Scaletta, Conterno e Fantino, Manzone Giovanni con 2012 schietti e verticali. Domenico Clerico presente e disponibile a parlare del suo vino con la stessa passione di sempre. I Barolo Boys hanno di nuovo segnato.