All'Artigiana del Fungo, funghi sott'olio e secchi in un'ampia varietà di tagli, pezzature e dimensioni

Sassello (Sv) è una storica località di villeggiatura cara a genovesi e savonesi, ma anche meta di passaggio per tutti i milanesi e piemontesi che nella stagione estiva raggiungono le mete balneari del Ponente ligure senza percorrere la trafficata rete autostradale. 

Nei negozi affacciati nella bella piazzetta centrale, fanno bella mostra di sé i due prodotti tipici ai quali questa località si lega da sempre: gli amaretti e i funghi raccolti nei boschi rigogliosi del territorio. Per questi ultimi, la sosta consigliata per gli acquisti è L’Artigiana del Fungo, una realtà familiare che i Rossi avviarono vent’anni fa grazie alla passione di papà Elio, utilizzando inizialmente come laboratorio il vecchio cinema in disuso del paese. 

Oggi l’azienda, gestita dal figlio Alessandro, si è trasferita in località Aicardi 9 (tel. 019720245) e, accanto al Museo micologico, è stato aperto uno spaccio per la vendita. 

Fiore all’occhiello, i vasetti di funghi sott’olio, presentati in una varietà infinita di tagli, pezzature e dimensioni nei loro bei contenitori di vetro a forma di orcio, fungo, anfora, ottagonali. Le tipologie proposte sono porcini, chiodini, di muschio, e misti. Immancabili, i funghi secchi di prima scelta nei loro sacchetti trasparenti. 

Molto ampia la proposta di conserve con materie prime piemontesi: dai peperoni e peperoncini (anche farciti) ai tradizionali antipasti di verdure, dalle melanzane ai pomodori (anche secchi). Poi, sughi e ragù, bagna caoda e classici bagnetti (verde, rosso, di noci) e quindi creme di funghi, tartufi, carciofi, pinoli.