Vitigni autoctoni e viticoltura naturale

Lazio Rosso 'Flaminio Rosso' (cesanese, petit verdot e cabernet sauvignon) - Olevano Romano Cesanese - Lazio Flaminio (b - uve autoctone) - Lazio Passerina
TOP HUNDRED Lazio Bellone
Clicca qui per leggere l’articolo nella pagina Facebook I Vini del Golosario

Clicca qui per leggere l’articolo di Paolo Massobrio uscito su La Stampa nel 2018


Clicca qui per leggere l’articolo di Paolo Massobrio uscito su La Stampa nel 2020



Clicca qui per leggere l’articolo di Paolo Massobrio uscito su La Stampa nel 2020

Testo publiredazionale

A Olevano Romano, in provincia di Roma, su terreni di argilla rossa crescono viti di cesanese, bellone, passerina, malvasia di Candia, trebbiano giallo e cabernet, curati sartorialmente da SanVitis, realtà vinicola nata grazie alla passione di tre amici winelovers.

Sergio, Massimo e Riccardo sono i protagonisti di questa affascinante storia, affiancati nel loro percorso dall’instancabile vigneron Paolo, in grado di rispettare ed interpretare il territorio in chiave moderna ed accattivante. SanVitis è un progetto che nasce con l’idea di puntare fin dall’inizio sulla riscoperta e valorizzazione di un territorio con una storia millenaria e una tradizione radicata come quella del Lazio, spesso non adeguatamente conosciuta.

I vigneti storici a disposizione vengono rispettati lungo tutto il ciclo vegetativo, assecondati inoltre da pratiche enologiche mai invasive: vini che nascono innanzitutto in vigna, per ritrovare poi nel calice l’essenza del terroir in ogni sua piccola sfumatura.

Tra le etichette proposte emergono in termini di qualità e franchezza gustativa il Lazio Bellone, da un vitigno quasi dimenticato, il Lazio Trebbiano, il Lazio Malvasia e il Cesanese di Olevano Romano, rosso di grande struttura ed infinita eleganza.