Cena nel resort della famiglia Tommasi, perla dell’enoturismo

La strada che separa Verona dal ristorante Borgo Antico svela poco a poco la bellezza di Villa Quaranta, un edificio seicentesco con segni che rivelano tendenze barocche in grado di sorprendere chiunque per eleganza. Immerso in un parco e impreziosito dal meraviglioso giardino all'italiana questo sito trova nella loggia centrale a tre archi il dettaglio architettonico più interessante. L'intera struttura comprende un hotel 4 stelle, una SPA termale, una chiesetta romanica, un centro congressi e la villa padronale seicentesca che ospita il ristorante Borgo Antico che ci ha colpito immediatamente per la capacità di tutto lo staff di mettere chiunque a proprio agio, un vero marchio di fabbrica della famiglia Tommasi, viticoltori dal 1902 e storici proprietari di questo complesso su cui hanno investito con successo le loro risorse a partire dal 1992.
In cucina lo chef Emanuele Selvi sposa sostanza delle materie prime e creatività dando vita a piatti che cambiano con le stagioni, nel pieno rispetto di ciò che il territorio offre. La cantina, con più di 1.300 vini, garantisce sempre il miglior abbinamento possibile.
interno cantine.jpgFin dagli antipasti si capisce che sarà una di quelle cene da ricordare, con l'assaggio di involtino di Crudo di Parma 24 mesi dop con cuore di radicchio rosso brasato al vino rosso, miele di castagno e grana fondente; “Vinappeso” culatello affinato all’Amarone; battuta di manzo garronese al coltello, tacos di Grana Padano 20 mesi, fragole, basilico e gelatina di birra chiara; baccalà in umido con crostini di polenta; carpaccio cotto di gambero rosso, la sua bisque, asparagi verdi e lemon snack. E ancora, il Caldo e freddo di mare: code di gambero tropicale al vapore e carpaccio di salmone selvaggio affumicato, rucola, mela verde e scaglie di Parmigiano Reggiano.
piatto prosciutto.jpgPer i primi (prezzo medio 16 euro) da provare gli gnocchi di patate fatti in casa (morbidissimi, soavi) con fonduta di formaggi e tartufo nero scorzone della Lessinia; accanto a tagliolini verdi all’astice e crema di burrata; ravioli “homemade” agli asparagi bianchi su crema di Grana Padano 20 mesi e croccante di Culatello affinato al vino rosso; bigoli caserecci al farro in salsa di coniglio e funghi cardoncelli. E poi l’immancabile risotto all’Amarone, fatto come si deve, aromatico. Tutta la pasta è realizzata a mano dai cuochi.
piatto tartufo.jpgPer i secondi (prezzo medio 24 €) la scelta si divide, potendo ricadere su piatti di carne come filetto di manzo sfumato all’Amarone con patate novelle rosolate; brasato di manzo al Ripasso con polenta di Storo; coppa di maialino in bassa temperatura, asparagi bianchi al vapore e salsa di cipollotti grigliati profumati alla vaniglia Bourbon. Oppure un classico, come la chateaubriand flambata al brandy con salsa bernese e contorni saltati di stagione sempre ottimi (prezzo medio 21 €). Sul pesce si può scegliere "il mare alla griglia" oppure triglie di scoglio ripiene di gamberi, peperoni rossi dolci, il suo guazzetto e taccole; luccio in salsa alla maniera gardesana con crema di mais.
piatto carne.jpgPer concludere il dessert (prezzo medio 9 €), accompagnato prima da un pre-dessert dello chef : millefoglie della casa con crema chantilly e cioccolato fondente; tiramisù del “Borgo Antico”; cestino croccante alle mandorle, gelato fiordilatte e frutti di bosco al Maraschino; flan di cioccolato nero con cuore morbido di cioccolato bianco e salsa mou; parfait al pistacchio, cuore al mango, biscotto al rum giamaicano e mandorle caramellate.
dolce.jpgChe dire? Cucina solida, varietà ampia e prezzi onesti. È l’enoturismo signori!

Ristorante Borgo Antico - Villa Quaranta

via Ospedaletto, 57
Ospedaletto di Pescantina (Vr)
tel. 0456767300
villaquaranta.com