Una famiglia del gusto, i Perbellini, che hanno nel Dna ricerca e tradizione, attenzione alle materie prime e procedimenti manuali codificati. Il caposcuola fu Luigi che a fine ‘800 aprì una panetteria a Isola Rizza, anche se il primo pasticciere di famiglia fu Giovanni Battista. La storia “dolce” di questa famiglia proseguì con Ernesto, è continuata con i figli Giovanni Battista e Flavio che oggi a loro volta hanno passato il testimone a Pierluigi. Il loro capolavoro è l’Offella d’oro, considerata capostipite del pandoro, la cui ricetta è datata 1° ottobre 1891. Appartiene agli anni ‘50 la Millefoglie Strachin, una millefoglie farcita di crema soufflé, che viene prodotta esclusivamente al momento: inimitabile. Meritano anche la colomba senza canditi e con ghiaccia morbida alle mandorle, e il Pan dei Siori, una dolce pasta lievitata naturalmente, profumata alla cannella e arricchita di uvette, canditi, noci, mandorle e fichi secchi; così come le praline, i cioccolatini e i gelati artigianali.
Ricordiamo infine le mostarde di produzione propria, ma anche i salatini oltre a tutta la pasticceria fresca e ai lievitati per la prima colazione che si possono assaggiare nel nuovo showroom bar di Bovolone.