La dose giornaliera d’olio raccomandata per un adulto sono circa 20 grammi, pari a due cucchiai da cucina. Una piccola quantità, quindi perché non scegliere un olio eccellente? Un olio di carattere, ma che non copra il sapore degli ingredienti che deve accompagnare.

Una delle cultivar più interessanti per qualità organolettiche e proprietà nutrizionali è la Caninese, varietà autoctona della Tuscia Viterbese. È proprio sulle colline viterbesi, a 500 metri slm, che si trova l’azienda agricola Bertarello (Vetralla - strada Pontarello, 88 – tel. 3391232340) con i suoi 30 ettari suddivisi tra castagneto, pascolo, lamponi e uliveto. Qui Beatrice Peruzzi ha acquistato una quindicina di anni fa un antico casale, da cui è iniziata l’avventura nel mondo rurale con la coltivazione di prodotti biologici e la produzione di olio d’oliva: una passione diventata un’attività a tempo pieno.

Il frutto del suo impegno è l’olio extravergine biologico Bertarello, una monocultivar di Caninese al 100%, dall’aroma fruttato intenso ed erbaceo con una caratteristica nota piccante. Di colore verde intenso con riflessi dorati, al naso il bouquet è ampio e comprende note erbacee, di carciofo, di cardo, rosmarino e menta. In bocca l’amaro piccante trova equilibrio con le note di salvia, anice ed erbe selvatiche. L’olio è estratto con un impianto a ciclo continuo a freddo e la lavorazione ha inizio dopo 6 ore dalla raccolta delle olive. L’azienda produce anche un olio da Itrana 100%, fruttato medio con basso grado di acidità, delicato e poco piccante; un olio da Coratina, fruttato intenso dal caratteristico piccante con note di carciofo; e il blend Simul da Caninese, Moraiolo e Leccino, dal gusto complesso e fine, di grande equilibrio.