Una startup californiana sdogana il tool che rintraccia lo zucchero anche quando non ti aspetti

Uno strumento per tenere sotto controllo i livelli di glucosio nel sangue e segnalare i cibi che hanno un effetto più benefico sul metabolismo di ogni individuo. E’ quanto elaborato, sotto l’egida del founder Ashwin Pushpala, dalla startup californiana Sano.

Si tratta in pratica di uno strumento del tutto simile a quello utilizzato dai diabetici ma in grado di aiutare anche chi è in salute a monitorare lo zucchero presente negli alimenti che assume, anche (e soprattutto) i più insospettabili.

Rispetto agli strumenti dei diabetici, il rilevatore di Sano sostituisce l’ago con 400 micro-aghi totalmente innocui in grado di rilevare le informazioni e poi passarle a uno smartwatch o smartphone per informare l’utente in tempo reale su ciò che sta mangiando.

Sotto la lente di Sano ci sono alimenti come il riso, il pane, l’alcol e alcuni prodotti delle principali catene di fast food, dove il quantitativo di zucchero supera di molto il massimo giornaliero consigliato (anche se spesso non ce ne accorgiamo ndr).

Sul progetto ha già puntato il marchio di smartwatch per il benessere FitBit, con un investimento di 6 milioni di dolari.