Umbria Rosso “San Giorgio” (sangiovese, canaiolo, cabernet s.), “Toralco” (merlot, cabernet s., sagrantino) e “L’U” (sangiovese, merlot, altri vitigni locali a bacca rossa) - Rosso di Torgiano “Rubesco” (sangiovese, canaiolo, colorino) - Montefalco Sagrantino “Sagrantino di Montefalco” - Montefalco Rosso “Rosso di Montefalco” (sangiovese, sagrantino, merlot) - Umbria Chardonnay “Aurente” - Torgiano Bianco “Torveto” (chardonnay, vermentino), “Torre di Giano” (vermentino, trebbiano, grechetto) e “L’U” (vermentino, chardonnay) - Bianco di Torgiano “Torre di Giano Vigna il Pino” (trebbiano, grechetto) - VSQ Metodo Classico Lungarotti Brut - Montefalco Sagrantino Passito “Sagrantino Passito” - Torgiano Vin Santo “Vin Santo”
TOP HUNDRED Torgiano Rosso Riserva “Rubesco Riserva Vigna Monticchio”

Clicca qui per leggere l’articolo di Paolo Massobrio uscito su I Giorni del Vino (Einaudi, 2009)




Clicca qui per leggere l’articolo nella pagina Facebook I Vini del Golosario





Clicca qui per leggere l’articolo nella pagina Facebook I Vini del Golosario


Testo publiredazionale

È il 1962 quando Giorgio Lungarotti trasforma la sua azienda agricola vocandola alla produzione vinicola. Da allora il brand Lungarotti è diventato il simbolo dell’eccellenza umbra in Italia e nel mondo. Oggi il Gruppo - 250 ettari vitati tra le Tenute di Torgiano e di Turrita di Montefalco, 2 cantine, 28 etichette e 2,5 milioni di bottiglie prodotte - dalla forte impronta familiare, è guidato da Chiara Lungarotti (amministratore unico) e dalla sorella Teresa.

Torgiano è il cuore produttivo dei vini icona Lungarotti, simbolo dell’Umbria in oltre 50 Paesi del mondo, come il Rubesco Riserva Vigna Monticchio. Dai 20 ettari a regime biologico della tenuta a Turrita di Montefalco nasce l’altro grande rosso firmato Lungarotti: il Montefalco Sagrantino.