Il truck di cucina lombarda che conosceremo a Golosaria (5/7 novembre)

Un progetto di ampio raggio per portare la Brianza nel mondo, fatto di ospitalità, accoglienza, informazioni turistiche e - perchè no? - un truck pronto a solcare l’Italia con le specialità made in Brianza: tutto questo è Brianza che nutre (Levada 1 – II piano • Casatenovo), l’innovativo progetto che conosceremo a Golosaria. Al MiCo, dal 5 al 7 novembre, sosterà con il suo furgone vintage, personalizzato dall’artista Alberto Casiraghy: un vero e proprio gioiello, un tempo adibito alla vendita del gelato, che ha ancora la guida a destra.

Ma all’estetica che colpisce, il truck Brianza che nutre unisce anche una serie di proposte gastronomiche nate dalla condivisione e dalla progettualità degli chef che aderiscono al consorzio. Le materie prime provengono quasi esclusivamente dal territorio e molte sono prodotte direttamente dai consorziati: zafferano, vino, birra artigianale, carni, verdure, succhi biologici, pane e dolci. Oggi le specialità da passeggio ideate per il truck sono i Mondeghini - uno tira l'altro, ovvero le classiche polpettine della tradizione lombarda perfette da consumare nei coni per la frittura; il Pan cassoeula - panino per tutte le stagioni ovvero un pane croccante all’olio con costina disossata, verza, verzit, stufati con sedano, carote, cipolle, salvia e aglio. E ancora Pan e formagitt ovvero pane croccante con mousse di formaggini di Montevecchia ed erbe aromatiche o una originalissima interpretazione del riso allo zafferano: i Lecca lecca di riso giallo.