Confronto su evoluzioni e sfide nel settore per i prossimi anni
 - Berni: “I prodotti DOP da valorizzare insieme ad arte, cultura e creatività”

Desenzano del Garda (BS), 31 maggio 2021 - Come cambieranno i gusti e le abitudini dei consumatori dopo la pandemia? Ci sarà una transizione ecologica nel food and beverage? Si apriranno nuovi spazi per i prodotti a denominazione d’origine protetta, fortemente legati alla loro zona di produzione?



Sono domande strategiche per la filiera agroalimentare italiana che, dopo EXPO 2015, ha registrato una crescita importante sino alla pandemia e al lockdown, quando diverse sono state le conseguenze sui vari comparti. A cercare le risposte i più qualificati rappresentanti del settore che il 4 e 5 giugno prossimi saranno ospiti a Bormio, in provincia di Sondrio, della European House Ambrosetti in occasione del Forum sul tema “La Roadmap del futuro per il Food&Beverage: quali evoluzioni e quali sfide per i prossimi anni”.



In uno dei convegni in programma il 4 giugno sarà affrontato “Il ruolo dei territori italiani per il rilancio della filiera agroalimentare e del Paese”. Tra i relatori Stefano Berni, Direttore Generale del Consorzio Tutela Grana Padano.



“Nonostante la pandemia, il Grana Padano si conferma il più importante player di latte italiano, consolidando anche la sua posizione di prodotto DOP più consumato al mondo – spiega Berni –. La produzione è arrivata a 5.255.000 forme con +2,2% rispetto al 2019 e sono state destinate 2.112.870 forme all’export, con una crescita del +3,4%. Questi numeri ci consentono di guardare al futuro con speranza e di impostare l’agenda del prossimo quadriennio 2021-2024 sulla base di tre parole d’ordine: sostenibilità ambientale, benessere animale e salubrità”.



Questi obiettivi sono le richieste dei consumatori più attenti in tutto il mondo. Per soddisfarle sono fondamentali i controlli e le scelte produttive, ma anche la tutela e la garanzia delle materie prime, della loro provenienza e del rispetto delle regole produttive. “Grana Padano DOP deve il suo successo a questi punti di forza e quindi ad un legame profondo ed esclusivo con il territorio, peculiarità e valore aggiunto che condivide con altri prodotti – commenta il Direttore Generale del Consorzio Grana Padano – Credo quindi che davanti ai prodotti a denominazione d’origine protetta si aprano grandi spazi di crescita attraverso la valorizzazione coordinata dei territori di cui sono espressione, insieme alla cultura, all’arte e alla creatività che racchiudono. A condizione però che alto e garantito sia il livello di qualità”.