Giorgio Poeta, dopo la maturità in Agraria e con l’eredità di due alveari, studia per unire le sue due passioni: il miele e il vino. Realizza così una vera e propria innovazione nell’ambito della produzione apiaria: invecchiare il miele nelle barrique.
Nel 2008 nasce il miele d’acacia Carato, prodotto travasato più volte nell’arco dell’anno in botti con differenti tostature: questo metodo riduce notevolmente il prodotto, donando al miele un aroma caratteristico e profumi di cuoio e tabacco. Una seconda linea è dedicata all’anice: si tratta del miele Stella, ispirato alla tradizione regionale legata all’anice. Poi l’IdroMiele, prodotto da tre mieli (stachys, acacia e girasole) e fermentato con acqua di sorgente per circa 9 mesi. Dall’unione del suo miele Carato e il vino rosso Kurni nasce il Carato Gran Cru: l’invecchiamento nelle stesse barrique impiegate nella fermentazione del vino rosso Kurni gli dona un colore rosso rubino e piacevoli sensazioni di marasca e frutti rossi, con in sottofondo spezie quali vaniglia e cannella.
Il prodotto di punta è l’IdroMiele barricato, che riposa in botte di rovere francese acquisendo aromi di sandalo, pepe e pesca matura.