Stefano Rocca e le sue 150 varietà diverse di piante tropicali 

La prima dote di un esploratore è quella di trovare una strada dove ancora non c’è. Succede con le pareti alpine, succede in una foresta. E può succedere anche in Calabria, regione di grandi creativi e sognatori, come Gianni Versace o Rino Gaetano, solo per citarne due tra i più celebri, e di sperimentatori anche in campo agricolo. 

In questa regione nel corso degli anni abbiamo conosciuto l’annona che ci ha trasportato in Sudamerica, il goji in Tibet, i cedri sulle coste mediorientali e oggi i passion fruit di un ragazzo che si chiama Stefano Rocca e che sulla piana di Sibari, a pochi passi dal mare, ha immaginato dove prima c’era un piccolo terreno appartenuto alla nonna, il suo giardino dell’Eden. 
tanti-frutti.jpgLa sua attività, Frutti Tropicali Sibari, è un appezzamento dove sono ospitate 350 piante di passion fruit che lui raccoglie tutto l’anno e spedisce un po’ ovunque in Italia.
La parte più interessante, di quest’impresa, però è nella sua personale “stanza dei sogni” che sta prendendo piede in un’altra parte di quest’area dove ha messo a dimora 150 varietà diverse di frutta tropicale. Stefano è uno sperimentatore romantico, che si è fatto le ossa sul campo, in circa quindici anni, piantando semi differenti, cercando lo sviluppo della pianta in purezza o ibridando.
“La passiflora è una cosa infinita - racconta - ce ne sono centinaia di varietà in nature e con gli ibridi si può andare all’infinito”. Lui prepara cassettine di passionfruit per la spedizione a cui aggiunge qualcuno degli altri frutti che non potrebbe garantire - data la produzione ridotta - in modo commercialmente organizzato per farli assaggiare ai suoi clienti.
maracuja.jpgNel suo frutteto ci sono frutti conosciuti come mango, papaya, avocado e vere e proprie curiosità come il garlic passionfruit che, il nome è già un indizio, ha sentori di aglio che grazie all’ibridazione vengono mitigati per dare in realtà un frutto molto dolce e quasi aromatico, la passiflora actinia e la passiflora manicata che danno anche splendidi fiori, la maracuja dolce, la wild maracuja che ricorda il melone e così via. 
fiori.jpgIl suo progetto è quello di selezionare le varietà tropicali che meglio si adattano al clima calabrese e riprodurle cosi da avere in tutto l’arco dell’anno una produzione di frutta da veri appassionati che non avrebbe eguali in Italia. Un sogno che implica anni e anni di sperimentazione, passione e una sana dose di follia. Intanto Stefano, un passato da ballerino e un presente da pasionario della frutta, costruisce il suo giardino dell’Eden sulla piana di Sibari. 

SIBARI FRUTTI TROPICALI 

Marina di Sibari (Cs)
minamob@libero.it
tel. 345 015 0729