Aglianico del Vulture “Arcidiaconata”, “Colignelli”, “Kataos” - Basilicata Chardonnay “Osme”
TOP HUNDRED Aglianico del Vulture “Colignelli”

Clicca qui per leggere l’articolo di Paolo Massobrio uscito su La Stampa nel 2016

Top hundred

Vino Top Hundred 2016: Aglianico del Vulture “Colignelli “ 2013
La famiglia D’Angelo è proprietaria di questa cantina con i vini che nascono con la consulenza dell’enologo Fortunato Sebastiano. Quattro gli ettari vitati (per 20 mila le bottiglie) su forti declivi terrazzati, coltivati a regime biologico alle pendici del vulcano spento (a 400 m d’altezza). Il nostro Top l’Aglianico del Vulture “Colignelli”, dal colore rosso rubino concentrato, dal naso di confettura di frutta rossa, ma anche liquirizia e senape, dal sorso rotondo, ampio, di piacevole tannicità e freschezza. Con carni rosse.

Top Hundred 2011: Aglianico del Vulture “Nostòs” 2008
È stato un ritorno, quello di Francesco Radino, che dopo aver vissuto al Nord è tornato alla sua terra e si è messo a produrre olio e vino di grande qualità. Ed è un ritorno il rosso formidabile che produce, visto che Nostòs in greco significa ritorno, appunto.
Questo Aglianico in purezza, ha colore rosso rubino cupo, fitto, lucente. Al naso ha profumi intensi, con sentori di frutti rossi, note balsamiche, elegante speziatura.
Caldo e di notevole struttura, in bocca è equilibrato, armonico, fresco e piacevolmente tannico, di lunga persistenza. Un rosso importante, che si abbina a carni rosse, selvaggina e cacciagione, formaggi stagionati.