Viva i prodotti del territorio

Anche l’esperienza delivery di oggi è in qualche modo legata al Club di Papillon, avendo fatto in questo ristorante lo scorso 29 novembre la cena conclusiva di un importante evento legato al gusto con la presenza tra gli ospiti anche di Marco Gatti e Paolo Massobrio (nella foto sotto con i relatori e lo chef del locale Elios Keci).
foto-gruppo-novembre.jpgElios, 37 anni, di origine albanese è in Italia dall’età di 16 anni e dopo numerose esperienze formative e di lavoro approda alla “corte” di Maurilio Garola, dapprima alla Ciau del Tornavento di Treiso e poi al Campamac di Barbaresco. Da settembre 2019 è lo chef del Circolo Sociale Biellese.
chef.jpgPresto nuovo socio di Papillon Biella, è costretto, come molti colleghi, ad inventarsi il servizio di delivery, ed è in questa veste che lo rivedo dopo due mesi di clausura quando viene personalmente a consegnare quanto avevamo ordinato. I piatti li avevamo scelti da un menu alla carta - pervenuto via mail mentre l’ordine è stato fatto via whatsApp - che prevedeva come antipasto polpo e gamberetti con patate, fagiolini e olive (9 euro), un primo piatto a base di ravioli del plin ripieni di carne e verdure saltati al burro e salvia (8 euro), il secondo piatto era un filetto di manzo alla griglia con erbette e salsa all’uovo (12 euro) mentre per dessert c’era un cubo al gianduia con crema di frutti di bosco (5 euro). Abbiamo optato per il menu completo al prezzo di 30 euro, scegliendo anche un piatto per la sera rappresentato da una trippa in minestra con ceci e verdure (10 euro); c’era anche il pane fatto in casa, una pagnotta di segale ed una di pane bianco.
All’arrivo, preannunciato telefonicamente 5 minuti prima, la piacevole sorpresa di una bottiglia di vino offerta, una rapida descrizione dei piatti con una breve divagazione sull’uso dei prodotti locali che caratterizzano la sua cucina anche per il delivery, una foto allo chef-rider per immortalare l’evento e via per altre consegne.

Per rispettare la territorialità dei prodotti decido di fotografare, oltre ai piatti, anche tutto il resto: l’acqua Lauretana, il vino Coste della Sesia 2011 Ca’ dei tass di Cassina, il caffè Bugella e il digestivo rappresentato da una grappa La Culma barricata 8 mesi in acacia, tutti rigorosamente prodotti da soci Papillon del territorio biellese.
Evviva!
primo-bevande.jpg