Crudo e di qualità

Il Consorzio di Tutela e Promozione del Crudo di Cuneo D.O.C. nasce nel 1998 e solo qualche anno piú tardi - a partire da Dicembre del 2009 - in Italia viene ufficialmente riconosciuta la Denominazione di Origine Protetta. Il Crudo di Cuneo è una prelibatezza che assunse importanza sempre maggiore nella seconda metà del XIX secolo, quando la nuova borghesia, nata dallo sviluppo dell’industria e del commercio, elevò la lavorazione del prosciutto a vera e propria arte culinaria.

L’area di produzione comprende la provincia di Cuneo, quella di Asti e altri 54 comuni della zona Sud della provincia di Torino, in un areale benevolmente riparato dalle Alpi.

L’etichettatura è un processo fondamentale per tutto il Consorzio perché tutela il consumatore sulla qualitá e la provenienza del prodotto; le nuove e moderne tipologie di etichette prevedono infatti un > QR Code che contiene tutti i dati della storia del prosciutto stesso, completando così il quadro narrativo del prodotto ultimo e consentendo una comoda e affidabile tracciabilità.

Le cosce sono lavorate con sale 'dolce', un sale marino integrale non essiccato artificialmente e in grado di mantenere la sua naturale umidità, evitando l’utilizzo di conservanti. Dal punto di vista nutrizionale parliamo di un prodotto dall’ottimo apporto proteico, ricco di calcio, ferro, fosforo e magnesio, un prosciutto ricco di proteine che contiene una buona quantità di amminoacidi ramificati e di vitamine del gruppo B.

Al taglio la fetta di presenta di colore rosso uniforme nella parte magra e di colore bianco in quella grassa; la consistenza è morbida e compatta, l’aroma dolce e fragrante. Ottimo come antipasto o secondo, è consigliato l’abbinamento con melone, kiwi e fichi, per esaltare ogni sfumatura di questo fantastico e storico prodotto.