Alto Adige Spumante Extra Brut “Arunda” e “Blanc de Blancs” - A.A. Spumante Brut “Arunda” Metodo Classico - A.A. Spumante Brut “Parlein” Metodo Classico - Talento Extra Brut Metodo Classico Riserva
TOP HUNDRED Alto Adige Spumante Extra Brut Metodo Classico “Arunda Cuvée Marianna”

Clicca qui per leggere l’articolo di Paolo Massobrio uscito su I Giorni del Vino (Einaudi, 2009)


Clicca qui per leggere l’articolo di Paolo Massobrio uscito su Il Tempo del Vino (Rizzoli, 2006)




Clicca qui per leggere l’articolo nella pagina Facebook I Vini del Golosario


Testo publiredazionale

Meltina, a 1200 metri d'altezza, fa parte di un territorio che comprende il comune di Terlano e la Val Sarentino con il Monte Risco. Questo, probabilmente un antico luogo di culto, è rappresentato dai famosi “omini di pietra”, centinaia di piccole figure costruite da pietre messe una sopra l’altra. E, dal 1979, c'è un altro culto, quello creato dall'azienda Arunda nel lavorare le bollicine con i sistemi in uso nella Champagne da ben 3 secoli, per far nascere spumanti made in Alto Adige.
Josef Reiterer, con la moglie Marianne, affina vini spumanti affidandosi alle naturali oscillazioni di temperatura dovute alla quota, oscillazioni che permettono una naturale maturazione dei vini -con almeno 24 mesi- per dare agli spumanti quella ricchezza, quell’eleganza e quella complessità che li ha resi famosi. Alcune Cuvée riposano in cantina anche 60 mesi prima che le bottiglie vengano, come da tradizione, sboccate e avviate alla vendita.
Le 130.000 bottiglie l'anno partono da Chardonnay, Pinot bianco e Pinot nero seguiti passo passo su terreni di diverse caratteristiche e microclima, fino ad arrivare alla cantina con i tini di assemblaggio, le cataste di bottiglie, le file di pupitres per il remuage e qualche barrique dedicata a speciali riserve.

Le novità Arunda 2018 sono i vini Metodo Classico come lo spumante BRUT Zero senza solfiti aggiunti; infatti la caratteristica di un prodotto eccezionalmente “spumeggiante“ non vede l'aggiunta di sostanze protettive durante l'intera fase di sviluppo.
Il vino base della vendemmia 2014 è uno Chardonnay al 100% con uve provenienti da un singolo vigneto a Salorno e il suo nome associa le caratteristiche di “particolarmente secco“ (brut) allo Zero, che rimanca l'assenza di solfiti.
Il suo finissimo perlage, le note fruttate di albicocca e pesca e il sottofondo di torrone e nocciola lo rendono adatto a piatti importanti di pesce e frutti di mare.

La Cuvée Muggi nasce invece dalla migliore combinazione di Chardonnay, Pinot Bianco e Pinot Nero vinificato in bianco. Per la maturazione una parte è passata per diversi mesi in barrique e, dopo più di tre anni di sosta sui lieviti e l’aggiunta di un dosaggio davvero minimale, è pronta per essere gustata come vino da tutto pasto, caratterizzato da fine perlage, profumi di frutta secca, mele cotte e cioccolato bianco e, al palato, succoso e rotondo con un lungo finale di bocca.

Arriviamo poi al più vigoroso degli spumanti Arunda, il Phineas, che fa parte di una linea di prodotti molto particolare. La partenza è data da Chardonnay, Pinot bianco e Assirtico (vitigno originario della Grecia e piantato in Alto Adige) sottoposti a lunga macerazione e affinamento in barrique per più di 12 mesi. Il risultato è un vino di grande impatto e dal superbo frutto che, dopo 8 anni di permanenza sui lieviti, riesce ad ottenere unanumi riconoscimenti.
Il progetto è stato ripetuto con lo stesso vino base dell'anno 2010, ma con una tecnica di vinificazione più elegante che prevede sette anni di contatto coi lieviti.
Sempre di perlage fine e persistente, intenso bouquet di mela cotta, albicocca e ribes nero e un elegante sottofondo di spezie e erbe medicinali, al palato è importante e sapido, con un retrogusto durevole dalle venature di fieno ed erbe alpine.
Si accompagna a piatti complessi di formaggi stagionati, carni chiare e selvaggina, magari accostato ad una componente dolce di frutti e frutta secca.

Top hundred

Top Hundred 2010: Alto Adige Schiava Grigia “Sonntaler” 2009

Joseph Reiterer è stato uno dei primi a portare una filosofia di qualità estrema cui si ispira tutta l’enologia altoatesina, anche nel mondo degli spumanti. Il suo sorriso è quello di un uomo che vive felice tra i monti, o meglio tra quelle montagne dove nascono i suoi 8 spumanti, tra i più buoni d’Italia. È un Top 100 strameritato quello che abbiamo assegnato al suo Extra Brut “Arunda Cuvée Marianna”: da uve chardonnay (80%) e pinot nero (20%) ha perlage fine e persistente, profumi floreali, note di frutta secca, miele, cioccolato bianco, gusto secco, sapido, lunga persistenza.