• ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario

Cerca tra 2564 ristoranti, 3165 cantine, 4378 negozi e molto altro

CERCA
RICERCA AVANZATA
RESET
Chiudi Menu

Sp143, un nuovo concetto di pizzeria

Luca Milanetto | 11-09-2019

A Orbassano, grande attenzione al design e alla ricerca di materie prime di qualità, per pizze classiche e per pizze contemporanee con accostamenti ricercati

La pizzeria Sp143 di Orbassano (To) colpisce, non è convenzionale, sia all’interno che all’esterno. Sì, perché la Sp 143 (frazione Tetti Valfrè - tel. 3393137851) oltre ad essere il nome della strada provinciale che collega Orbassano con la Reggia di Stupinigi e poi con Vinovo e Carignano, è la pizzeria di Casa Format, nonché del progetto della Credenza di San Maurizio Canavese che ha creato proprio qui un centro sperimentale e la sua seconda casa.

Di fianco a Casa Format, un luogo di cucina e di ospitalità responsabile, ha trovato il posto una pizzeria che prende dal progetto Format l’attenzione al design e alla ricerca di materie prime di qualità. L’edificio, come quello di Casa Format è costruito secondo principi di bioedilizia e sostenibilità ecologica, l’arredamento è molto curato, frutto anche della collaborazione con l’altra anima del progetto Casa Format, dedicata espressamente al design e all’architettura.
Il locale ha un'insolita disposizione con al piano terra il forno a vista e il banco di preparazione delle pizze e una piccola bottega in cui sono in vendita i preparati e le conserve con le ricette curate dalla Credenza, nonché i prodotti che poi ritroveremo nelle farciture delle pizze. Al piano di sopra si apre la sala con vista sui campi di grano, in questa strana, ma piacevole, commistione tra architettura e ambiente.

Il menu è soprattutto pizza, con qualche eccezione sull’assaggio, come sfizio di ingresso, dei vegetali sott'olio, della giardiniera e di tutti i vasetti presentati in un bel carrello portavivande e la farinata, buona e ben cotta, per mettere un po’ di appetito in più ai commensali.
Le pizze e le focacce sono preparate con farine multicereale, provenienti da Viva la nostra farina a Faule vicino a Cuneo, lievitano almeno 48 ore e sono cotte in un forno elettrico per esaltarne la fragranza. Il resto della bontà sta poi nel topping, nella scelta delle decorazioni, di grande effetto e soprattutto di ottima resa.

Si va dalle classiche ricette rivisitate delle pizze come la Margherita, con pomodori pugliesi, bufala e olio Kothon siciliano, o la Quattro formaggi realizzata con gorgonzola naturale, fontina di alpeggio, formaggio di capra e parmigiano 90 mesi; poi quelle contemporanee con begli accostamenti (cozze, gorgonzola, carciofini o calamari, costa, olive e sedano) e ingredienti ricercati (stracciatella, salame di testa cognà e nocciole oppure alici, gamberi rossi, fiori di zucca e pomodoro o ancora bok choy, al secolo cavolo cinese, carpaccio di pesce spada e wasabi).

I dolci, oltre a gelati e sorbetti fatti in casa, sono sempre accostamenti stuzzicanti di ricette anche molto classiche, come il bunet, servito con crema al Moscato e amaretti in pastella, oppure il tortino caldo con gelato al caffè e gruè di cacao.

Belle le scelte delle bevande, che vanno su versioni solo in vetro delle bibite analcoliche classiche a tante birre artigianali provenienti soprattutto dalla Germania.

Sp143 è un concetto nuovo di pizzeria, dove l’ambientazione dona importanza al piatto e dove la pizza rappresenta lo studio e la personalizzazione che uno chef sa dare alle sue creazioni.

Il Gatti Massobrio

DI PAOLO MASSOBRIO

Il Taccuino dei Ristoranti d'Italia 2018

ilGolosario ristoranti

Scarica subito l'APP

TAGS
pizzeria
CONDIVIDI
Facebook Twitter GooglePlus LinkedIn