• ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario

Cerca tra 2564 ristoranti, 3165 cantine, 4378 negozi e molto altro

CERCA
Chiudi Menu

Le Notizie del giorno 17/11/2015

La notizia

La notizia

Anche un piatto può essere degno di tutela di diritto d’autore: fa scalpore il caso del Riso, oro e zafferano di Gualtiero Marchesi riconosciuto dal Tribunale di Milano al pari di un’opera d’arte. @ Il Pavese è terra di caviale: una buona parte della produzione italiana arriva da qui. @ L’ultimo mulino del Lambro: risale al 1200 e possiede ancora la ruota idraulica. @ Stretta sulle etichette d’olio: barare sull’origine costerà fino a 9500 euro. @ I Colori della natura arrivano domenica all’Unicredit Pavilion con Golosaria. @ Il problema delle mense è la qualità del cibo, bisogna rinunciare al criterio del massimo ribasso a favore della qualità. A dirlo Raffaele Cantone.

Diritto d'autore per il piatto di Marchesi e stretta sull'olio

Diritto d'autore per il piatto di Marchesi e stretta sull'olio

Un piatto è tutelabile alla stregua di un marchio. Lo ha deciso il Tribunale di Milano dando ragione a Gualtiero Marchesi che si era rivolto all’autorità contro un altro cuoco che nel suo ristorante aveva proposto un piatto Riso, oro e zafferano. Simile a quello originale utilizzava tuttavia il riso basmati al posto del carnaroli. “La Corte ha ritenuto innanzitutto che al piatto del Maestro Gualtiero Marchesi denominato riso, oro e zafferano possa essere riconosciuta la validità della registrazione come marchio di forma” annuncia l’ufficio stampa del Maestro. Ma non solo: “Il piatto del Maestro Marchesi è parso alla Corte degno di essere protetto anche con la tutela del diritto d’autore perché è dotato di creatività e di valore artistico”. La decisione del Tribunale di Milano è storica soprattutto sotto il profilo del diritto d’autore: un argomento che abbiamo affrontato anche nel numero 68 di Papillon con l’intervista all’avvocato Carmine Coviello autore del libro Food Law dedicato, tra le altre cose, al copyright delle ricette. @ Stretta sull’etichetta di olio d’oliva: il mancato rispetto dell’obbligo di indicare sia sui preimballati sia sugli sfusi, in etichetta come nelle bolle e negli imballaggi, la designazione dell’origine costerà caro con multe fino a 9.500 euro. E’ previsto nello schema di decreto legislativo che ha ricevuto il via libera dalla Conferenza unificata. @ Nelle mense scolastiche non c’è un problema di corruzione ma di qualità. A dirlo è il presidente dell’Autorità nazionale anticorruzione Raffaele Cantone che intervenuto a un convegno Coldiretti condannando anche il criterio del massimo risparmio per l’attribuzione dei servizi mensa.

Caviale pavese, botteghe storiche e mulini del Lambro

Caviale pavese, botteghe storiche e mulini del Lambro

Il Parco del Ticino è terra di caviale: un quarto della produzione italiana arriva proprio dai fontanili del pavese. QN di oggi va a Cassolnovo alla Storione Ticino, l’azienda fondata alla fine degli anni Novanta dalle famiglie Mandelli e Giovannini e che oggi esporta nel mondo circa cinque tonnellate di caviale attraverso Italian Caviar, marchio di Agroittica Lombarda. Il pavese grazie ai suoi fontanili della giusta temperatura costituisce l’habitat perfetto dello storione che a breve sarà anche commercializzato in altri formati, come carne fresca o affumicata. @ Cresce il numero delle botteghe storiche di Milano: sono stati attribuiti 71 nuovi riconoscimenti ad attività che hanno superato i 50 anni di esercizio. Tra queste la macelleria Brigo nata nel 1892, il “Baretto” di via Senato, amato dal poeta Montale, la pasticceria Cucchi di Porta Genova, che è stata anche protagonista a Golosaria Milano. @ E in tema di attività storiche il Corriere della Sera di oggi va dall’ultimo mulino del Lambro, il Mulino del Peregallo. Nato nel 1200, si trova in un’ansa del fiume a Brigo e possiede ancora una ruota idraulica funzionante. Accanto a questo esiste anche una struttura produttiva moderna dove si fanno farine biologiche, di mandorle, biologiche e senza glutine.

I colori della natura al Pavilion Unicredit

I colori della natura al Pavilion Unicredit

Domenica (ore 15 - 20 )a Milano una giornata imperdibile dedicata ai colori della natura e dell'alimentazione: l'appuntamento è al Pavilion Unicredit per un pomeriggio di attività dedicate ai più piccoli, nate in partnership Unicredit e Golosaria.  Ci saranno quattro isole tematiche dove i bambini potranno divertirsi alla scoperta della “Tavolozza dei colori della natura” nelle varie tonalità delle verdure, degli ortaggi e della frutta accompagnati dagli sketch degli animatori di Magica Compagnia. Sul sito www.ilgolosario.it l'approfondimento. 

L'assaggio

L'assaggio

E’ a Catanzaro (corso Giuseppe Mazzini, 325 – tel. 0961726007) al Ristorante Porta Marina dove si assaggia una cucina di mare ben fatta con paccheri con pomodoro e peperoncino di Calabria, gnocchi in crema di basilico e mandorle con vongole e seppia e totani alla griglia. Ne parla Francesca Brugna su IlGolosario.it

Il Vino

Il Vino

E' il Montepulciano d'Abruzzo DaMa di Marramiero (Tel. 0858505766 ) di Rosciano (PE). Rosso rubino intenso, al naso ha profumo intenso di ciliegia, nota balsamica e di tabacco, e sentori di liquirizia, mentre al palato è caldo e armonico, piacevolmente equilibrato e persistente. Si abbina a carni rosse.

CONDIVIDI
Facebook Twitter GooglePlus LinkedIn