L'assaggio

A Vigevano, da Luisa ed Enrico Gerli, nel loro ristorante i Castagni (Via Ottobiano, 8/20 - tel. 038142860​​​​​​​), sale ricche di charme, alta cucina contemporanea e i vini di una cantina da scoprire. Muovendo senza imbarazzo tra terra e mare sarà subito partenza al fulmicotone con la torta pasqualina scomposta. Tra i primi il geniale risotto al salto con trippa su crema di fagiolo borlotto di Gambolò lumache con panatura alle erbe aromatiche e riduzione al prezzemolo. Tra i secondi, il piccione in due cotture servito con pera Madernassa, purea di carote agli agrumi, radicchio tardivo e consommé con raviolo di fegatini. Finale a tutta gola con biscotto e cremoso al caffè lingua di gatto arrotolata con spuma al caffè gelato all’amaro e salsa all’arancia.

L'assaggio

Il fascino di Verona è davvero irresistibile, merito anche di locali come l'osteria Mondo D’Oro (Via Mondo d’Oro, 4 - tel. 045 894 9290). Agli antipasti ecco l’insalata di gallina, fagiolini e caprini, ai primi gli imperdibili risi e bisi; quindi la guancia di manzo brasata all’Amarone con purè di patate e porro fritto e si chiude con la torta di fragole e crema al limone, la millefoglie con spuma alla vaniglia e composta di frutti rossi. La sosta completa di Paolo Massobrio su ilGolosario.it

L'assaggio

Alla Locanda degli Artisti (via XXV Aprile, 13 - tel. 0372835577)a Cappella de Picenardi (CR), golosa cucina tradizionale, con piatti realizzati con mano felice e tocchi di giusta creatività. Per cominciare antipasto misto tradizionale della Locanda, poi gli imperdibili marubini ai profumi dell’orto. Di secondo schiena di coniglio ripiena con le sue mele glassate. La sosta completa di Marco Gatti su ilGolosario.it

L'assaggio

Dopo un primo locale ad Abasse, Fausto e la sua famiglia si sono spostati, nel 2001, in questo elegante locale della località Valle Prati di Cavatore (AL). E anno dopo anno hanno creato un’oasi con 4 camere (Borgo del Gallo Relais), piscina, sauna, una teoria di sale eleganti, un dehors che guarda i vigneti di pinot nero dai quali Fausto ricava un rosso davvero eccellente e un superbo metodo classico. La nostra sosta inizia con un godurioso sufflè di erbette in sfoglia con crema di parmigiano. Tra i primi tagliatelle di erbette al blu di capra. Tra i secondi ghiotta paletta di vitello in casseruola al Gavi con patate e carote al forno. Ai dolci il semifreddo al torrone di Canelin con fonduta di cioccolato.

L'assaggio

Tra i locali che si stanno affermando nella zona di No.Lo a Milano c’è il Greenery restaurant (viale Monza, 132 - tel. 0226112020) dell’Hotel Concorde. Un indirizzo dove gustare i piatti simbolo d’Italia, con una bella selezione di vini. Il vostro viaggio tra sapori e tradizioni del Bel Paese potrà iniziare con un tris sfizioso di polenta e lardo di Arnard, prosciutto Crudo di Carpegna con piadina e alici di Cetara e stracciatella. Poi il risotto alla milanese e di secondo, la costoletta di vitello alla milanese. 

L'assaggio

A Roma a ridosso di piazzale Clodio e del quartiere Prati, non lontano dal Vaticano, si trova la trattoria Bianca (Circonvallazione Trionfale, 94/96 - Tel. 3312266774 - 06 69229068). Uno di quei locali di tradizione eseguita alla perfezione e una carta dei vini da appassionati veri. Agli antipasti il piatto top della serata: la coratella d’abbacchio. Fra i primi ecco i ravioli di baccalà alla vignarola con fave fresche, piselli, carciofi e asparagi, dopodiché altro piatto radioso il doppio rotolo di coniglio alla cacciatora. Ai dolci, il bignè con caffè e nocciola.

L'assaggio

Inserita in un dedalo di case a Mombaruzzo (AT) si trova La Marlera (via Marlera, 35 - tel. 3384442560), una trattoria elegante, con camere, dove provare una cena tipica piemontese, o meglio monferrina. Da consigliare è dunque l’antipasto piemontese che annovera insalata russa, battuta di fassone, vitello tonnato, con salsa all’antica. Ai primi i ravioli del plin con sugo d’arrosto, quindi ai secondi la finanziera nobile dell’Astigiano per chiudere con lo zabaione al Moscato d’Asti.

L'assaggio

Il ristorante di oggi è l’Universo di Vignale Monferrato dove sabato sera si è svolta la cena dei soci di Papillon, fra vitello tonnato e insalata russa, gnocchi e agnolotti e poi una teoria di carni cucinate a dovere, prima della chiusura con i dolci tipici del Monferrato. Il pranzo si è invece tenuto alla trattoria Serenella Tre Lasagne, sempre a Vignale Monferrato, anche qui con un menu tipico, con giardiniera, margheritine, carne cruda battuta a coltello e una selezione di vini davvero eccellente. (Nella foto lo chef del ristorate Universo)

L'assaggio

Tra le new entry della nostra guida ilGolosario Ristoranti c’è una bella novità: il “Locale” (Via Domenico Cirillo 12 - tel. 0236588110) di Milano, a due passi dall’Arco della Pace. Qui Veronica Pagani, la titolare, ha voluto dar voce alle eccellenze artigianali che lei definisce a “km ragionevole” (non più di 100 chilometri dal capoluogo lombardo), mettendole su un piedistallo con menu e cucina. Per iniziare un classico antipasto all’italiana; di primo “Uno strano milanese” che è risotto allo zafferano e liquirizia. Quindi, la splendida tempura, croccante, leggera come una nuvola, di verdure e foglie con agretto di lamponi. Ai dessert “mani fredde” (tortino al cioccolato con cuore morbido crema lamponi). L'articolo completo su ilGolosario.it

L'assaggio

All’Osteria Al Turbine (Via Marignana, 124 - Tel. 041 5937077), tra Mogliano Veneto (TV) e Zelarino, ricette della tradizione rivisitate in modo creativo dallo chef Andrea Lombardini per piatti di grande raffinatezza ed equilibrio. Ed è proprio da un classico piatto che inizia questa sosta: lumache alla bourguignonne; quindi il risotto con quagliette (Carnaroli crema di sedano rapa, fondo di quaglie e finitura di timo al limone e liquirizia). Non ci si può congedare senza provare anguilla alla griglia. I dolci sono tutti interessanti ma questa è la patria del tiramisù che qui viene rivisitato con una crema inglese al caffè.

L'assaggio

A Cusago, nel ristorante Da Orlando (piazza Soncino 19 - Tel. 0290390318) dei fratelli Bordin, ambiente elegante, professionalità e piatti che son racconto goloso e contemporaneo della tradizione. Per iniziare un bel piatto di salumi componibile a vostro piacimento (salame, coppa, pancetta cotta agli aromi, lardo di Arnad e mortadella di Palmieri). Poi tra i primi, imperdibile quella pasta e fagioli “dal nostro ricettario di famiglia”. Di secondo, carne, con agnello in crosta ai pistacchi con indivia brasata al Pedro Ximenez e per finire panna cotta all’antica profumata al limoncello con fragole e crumble di sbrisolona.

L'assaggio

A Milano ha aperto Faak, il nuovo locale a più anime - bar, pasticceria, pizzeria e bistrot - di Viviana Varese dove dalla mattina alla sera è possibile fare una sosta golosa. Alla sera è una vera sorpresa perché i piatti in menu sono autentica bomba di gusto. Oltre alle pizze, “Rosse”, “Gialle” e “Bianche”, potrete assaporare, agli antipasti, pomodoro alla brace con fragole, ravanelli e camomilla, Poi vellutata di vignarola (carciofi, fave, piselli) con caprino e verdure croccanti. Quindi tra i secondi imperdibili pollo alla diavola, verdure alla brace e fondo. A chiudere crepe suzette con gelato alla vaniglia. La sosta completa di Marco Gatti su ilGolosario.it