Un appello per questo formaggio siciliano che nel 2020 ha subito un crollo delle vendite

Appello del Presidente del Consorzio di Tutela della Vastedda del Belice, Massimo Todaro, sulle pagine di cronachedigusto.it, per limitare il crollo di vendite (- 20% nel 2020 rispetto all'anno precedente) dello storico formaggio siciliano, l'unico a pasta filata di pecora. La politica consortile, nell'ultimo decennio, ha infatti privilegiato il canale di distribuzione Horeca – il 70% della produzione è destinato a pizzerie e ristoranti – rispetto a quello dei consumatori attraverso la vendita nei supermercati e nelle boutique del gusto.
La chiusura forzata delle attività ristorative ha così determinato questo drastico calo di vendite e ha minato la stabilità economica di un intero territorio della parte occidentale della Sicilia, quello della Valle del Belice, e più precisamente i comuni di Santa Margherita Belice, Contessa, Sambuca, Menfi, Partanna e Montevago.
Vastedda-forma-ok.jpgAlcuni dati per spiegare l'unicità di questa chicca casearia che affonda le sue radici nella storia e che nel 2010 ha ottenuto la Dop. La Vastedda del Belice è ottenuta con latte crudo ovino, esclusivamente della razza ovina Valle del Belice. Vengono ancora utilizzate attrezzature in legno come il piddiaturi, la tina, il tavuleri, la rotula ed il bastone per la filatura o le fuscelle di giunco.
Vastedda-produzione.jpgIl suo gusto è particolare, tipico del formaggio fresco di pecora, con note lievemente acidule e mai piccanti. La sua pasta è bianca, compatta, con qualche striatura dovuta alla filatura artigianale. La caratteristica forma a focaccia, con le sue facce lievemente convesse, rende inconfondibile la Vastedda. Il suo contenuto proteico supera in media altri tipi di formaggi ovini freschi. Questo primato è dovuto alla sua particolare lavorazione, infatti il processo di filatura genera un dilavamento del grasso, che a parità di peso, fornisce un incremento delle proteine presenti.

Si tratta quindi di un eccellente fonte di principi nutritivi, soprattutto proteine, vitamine liposolubili e sali minerali come fosforo e calcio. Inoltre, la bassa concentrazione di grasso lo rendono un alimento dalla notevole digeribilità e leggerezza. Nel 2019, prima del drastico calo di vendite, se ne sono prodotti ben 305 quintali. I soci produttori di questa Dop sono sette sparsi fra le province di Palermo, Trapani ed Agrigento. Un formaggio che rappresenta con orgoglio la ricca biodiversità della Sicilia.
vastedda-plastica-ok.jpgFacciamo così anche nostro l'appello del Prof. Massimo Todaro, invitando i tanti amici del Golosario – e i siciliani in particolare – ad acquistare i campioni top di Vastedda del Belice prodotta dai due casari citati sulla nostra guida:

CASEIFICIO DI CIRAULO GIUSEPPE

c.da San Giacomo
Sambuca di Sicilia (Ag)
tel. 3341374264 - 3381117623
caseificiosangiacomo@libero.it

MASSARIA RUVETTU

c.da Cicala - Adragna
Sambuca di Sicilia (Ag)
tel. 0925946059
massariaruvettu@libero.it
www.ruvettu.it

Fonte:
Cronachedigusto.it
Consorzio di Tutela della Vastedda del Belice