Basta sfogliare il menu per capire l’impronta di questo “tempio” della cucina abruzzese. Qui ogni ricetta è proposta con passione “filologica” e amore per le materie prime. Gran merito va al patron Giovanni Marrone, che conduce il locale dal 1980. Chiedetegli di visitare la cantina: merita. Lo trovate in pieno centro storico, di fronte alla casa natale di Ennio Flaiano, alla casa museo di Gabriele D’Annunzio e al Carcere Borbonico ora Museo delle Genti d’Abruzzo.

Piatti imperdibili: fellata; trippa alla Di Sipio; fregnacce come a Cermignano; makaira alla trappetara; pecora della Majella al tegame; lumache di terra al sugo. Zabaione caldo al Marsala preparato in sala; cassata di Parrozzo
Prezzi medi: Antipasti 9; Primi piatti 9; Secondi piatti 17; Dolci 6
Menu Abruzzesità a 32 euro


Servizi; menu vegetariano; animali di piccola taglia ammessi; zona fumatori
COPERTI

50

RIPOSO

venerdì e sabato a pranzo, domenica

FERIE

variabili in agosto; dal 24/12 al 2/1,

PREZZO MEDIO

Euro 40

CARTE DI CREDITO

tutte