Vini sinceri e gustosi, territoriali

Bramaterra - Il Bianco (erbaluce) - Il Rosato (nebbiolo)

Testo publiredazionale

Quella di Lorenzo Rovero è un’azienda entusiasmante che nasce nel 2014 a Sostegno, comune in provincia di Biella, grazie ad un’idea di recupero di antichi vigneti ormai abbandonati e dalla volontà di creare vini liberi da chimica di sintesi sulle piante (solo rame e zolfo) e nelle lavorazioni. I vigneti sono situati tra Sostegno, con la sua frazione di Casa del Bosco, e Curino e sono collocati ad un’altitudine di circa 450 metri s.l.m. con prevalente esposizione sud-est.

I terreni sono porfidi rossi di origine vulcanica, asciutti e acidi, derivanti dal collasso del Supervulcano della Valsesia; le 12 vigne, condotte fino a pochi anni fa da anziani vignaioli, raggiungono l’estensione complessiva di 3 ettari.

L’azienda è certificata Biologica, da ICEA dall’annata 2018, ma adotta dalla fondazione criteri molto stringenti in questo campo; le fermentazioni avvengono spontaneamente senza l’utilizzo di lieviti selezionati ma prediligendo i lieviti autoctoni e nelle varie fasi di lavorazione non vengono aggiunti solfiti. Parliamo di una cantina di piccole dimensioni che può quindi concentrarsi nella produzione di vini di assoluto pregio e rispetto ambientale, come testimoniano i calici del Bramaterra, de 'Il Rosso' (sapiente blend di nebbiolo, croatina, vespolina e bonarda) e dell’affascinante erbaluce macerato e affinato in botte di acacia.

Vini aromatici, gustosi, equilibrati ma soprattutto sinceri.