Il 23 e 24 giugno con 60 grandi ospiti

Due serate di musica e poesia per ricordare Bruno Lauzi, a Rocchetta Tanaro, il paese che lo aveva “adottato” e di cui Lauzi era cittadino onorario. Un amore di lunga data quello per il paese astigiano e per il Monferrato che Lauzi, già nel 1992 volle omaggiare con la partecipazione al primo treno enogastronomico del Monferrato da cui prese avvio il Club di Papillon. Un amore che racconta perfettamente nel libro Della quieta follia… dei piemontesi, pubblicato tra i quaderni de Il gusto della vita di Papillon, in cui Lauzi narra per brevi racconti - affascinanti come quadri - la sua Rocchetta.

Il 23 e 24 giugno sarà celebrato con una grande festa (sulla pagina facebook dedicata tutti i dettagli dell'evento), organizzata per lui da un gruppo di amici fra cui Franco Fasano, Paolo Massobrio e Paolo Frola, in occasione dei dieci anni della scomparsa del cantautore-poeta e produttore di vino. L’iniziativa, denominata “Ritornerai” a ricordo di una canzone di Lauzi, si terrà nella piazza del paese e sarà occasione per raccogliere fondi da destinare alla ricerca sul Parkinson, di cui l’artista soffriva.

Tra gli oltre 60 ospiti che prenderanno parte alla kermesse ci saranno anche Paolo Conte, Gino Paoli, Iva Zanicchi, Memo Remigi, Marco Ferradini, Pippo Baudo, Palumbo e Gianni Coscia, Omar Pedrini, Francesco Salvi, solo per citarne alcuni.

(Nella foto Paolo Massobrio e Bruno Lauzi alla festa organizzata in occasione della cittadinanza onoraria di Massobrio a Masio)