Cucina, Gastronomia, Emporio, Catering, Accademia: il luogo in cui il cibo incontra l'arte di cucinare

“Se utopia è il luogo ideale in cui tutto è perfetto, distopia è l’esatto contrario, ma entrambi i termini descrivono luoghi inesistenti o, meglio ancora, senza alcuna possibilità di esistere nella realtà. Foodopia, invece, esiste davvero ed è il luogo in cui il cibo incontra la gastronomia, cioè l’arte di cucinare”.
Così risponde Marta Foglio quando le chiedo il significato del nome del suo nuovo locale aperto a metà gennaio a Pollone. E poi prosegue: “Il cibo è il filo che ci unisce in un mondo dove uomo e natura sono in equilibrio”.
foodopia-bancone.jpgCapisco subito di avere di fronte una persona fuori dal comune e ne ho conferma quando mi racconta la sua vita di giovane millennial.
Marta durante gli anni del liceo ha frequentato il quarto anno negli Stati Uniti, nel Montana, un’esperienza di apertura verso il mondo; dopo il diploma si è trasferita a Londra per due anni e poi, rientrata in Italia, ha conseguito la laurea in Traduzione Letteraria. In seguito ha frequentato una scuola di naturopatia e collaborato per alcuni anni con uno studio di educazione alimentare. Ha completato la sua formazione alla scuola di Pietro Leemann – unico chef vegetariano europeo con stella Michelin – e infine con i corsi dell’Accademia di Franco Berrino. Vegetariana dall’età di 13 anni, è appassionata di cucina da sempre, da quando guardava la nonna che cucinava i prodotti del suo orto. Nel 2004, alla prima edizione di Terra Madre, si è avvicinata al mondo di Slow Food, con cui collabora tuttora nell’ambito della condotta biellese. Interpreta la cucina come mezzo di diffusione culturale che le consente di trasferire ad altri ciò che ha imparato. Lavora con il Fondo Edo Tempia per il quale ha avviato un ciclo di lezioni rivolte ai ragazzi per divulgare i concetti legati a una sana alimentazione. Svolge corsi di cucina per la prevenzione dalle malattie anche con l’ASL di Vercelli.
foodopia-bancone2.jpgIl suo motto, riportato sul menu, è “Miglioriamo il mondo partendo dal cibo”. Nel legame con la terra, la cucina, l’alimentazione, il territorio e i suoi prodotti c’è la vita di Marta, che ha scritto anche un libro per bambini.
“Ogni prodotto ha una storia da raccontare e nel Biellese abbiamo molte cose da dire” afferma, prima di aggiungere che “Foodopia è la coronazione di un sogno, è l’occasione per diffondere cultura gastronomica non da un palco o da una cattedra ma dal bancone del negozio e dalla cucina; qui saranno in vendita gli ingredienti con cui preparo i piatti che potranno essere portati a casa oppure, in tempi normali, consumati sul posto; al venerdì e al sabato, nel rispetto della stagionalità, saranno in vendita anche prodotti freschi; spero presto, organizzerò poi corsi di cucina e serate a tema di degustazione delle specialità del nostro territorio”.
foodopia-casetta.jpgE’ socia del Club di Papillon di Biella, dove si è riconosciuta nel programma “Sapori&Saperi”, e mi saluta citando Brillat-Savarin, politico e gastronomo francese del XVIII secolo: “Gli animali si nutrono, l’uomo mangia e solo l’uomo intelligente sa mangiare” e conclude con umiltà dicendo “io cercherò di dare una mano”.
Brava e coraggiosa, visti i tempi. Auguri!

Foodopia

via Caduti per la Patria, 39
Pollone (Biella)
tel. 348 1521460
marta.foglio@gmail.com
lucabrak@gmail.com