La famiglia della grappa


Un mito, in quattro date simbolo.

1897: Orazio Nonino, capostipite della famiglia, stabilisce a Ronchi di Percoto la sede della propria distilleria, fino ad allora esistita sotto forma di alambicco itinerante.

1973: Benito e Giannola Nonino rivoluzionano il mondo della grappa creando grappe da singolo vitigno, il Monovitigno® Nonino.

1975: nasce il Premio Nonino, con lo scopo di salvare gli antichi vitigni autoctoni friulani e di legare la popolare grappa alla cultura internazionale.

1984: per la prima volta distillano l’uva intera, creando così l’Acquavite d’Uva.

Non bastano però queste date per raccontare una vera e propria saga familiare, rappresentata fisicamente dagli alambicchi in rame. Le Distillerie Nonino, infatti, sono composte da cinque distillerie artigianali con 12 alambicchi in rame discontinui a vapore ciascuna, una per ogni membro della famiglia, più un alambicco per ogni nipote. Nonino inoltre è stata decretata “migliore distilleria del mondo“ 2019 al Wine Star Award a San Francisco, primo brand italiano di spirit e unica grappa premiata in vent'anni di storia di questo prestigioso premio, di cui è stato ricordato il ruolo di Giannola Nonino nel “ribaltare l’immagine grezza e forte della grappa, trasformata da Cenerentola a Regina con energia, ridisegnando un distillato tradizionale per l'era moderna che rappresenta the Best of Made in Italy. Un continuo impegno verso l'eccellenza basato sulla ricerca dell'innovazione, nel rispetto della cultura e dell'identità del territorio“. Un lavoro di valorizzazione della grappa che ha condotto le Distillerie Nonino alla valorizzazione di questo distillato nei cocktail: è del 2007 la prima Nonino Cocktail Competition che nel tempo ha fatto conoscere un nuovo modo di far degustare la grappa e l'ha avvicinata ai giovani. 

Distillerie Nonino: quando distillare è arte

Tra i prodotti simbolo, le tante tipologie di Grappe Monovitigno; le Riserve millesimate come la Grappa Nonino Riserva AnticaCuvée® 5 Years e le Grappe della Tradizione; quindi le Acquaviti d’Uva ÙE® che toccano l’apice nei Cru Monovitigno® (Moscato giallo, Cabernet Franc e Traminer) imbottigliati in vetro soffiato come la Riserva Nonino 18 Years invecchiata in barrique.
amaro_nonino.jpgLe cinque Acquaviti di frutta FRUT® sono ottenute distillando frutta fresca, come il PIRUS® distillato di pere Williams della Val Venosta-Alto Adige. Tra i liquori, la Prunella Nonino Mandorlata® e l’Amaro Nonino Quintessentia®, antica ricetta della famiglia Nonino, che Brad Thomas Parsons, tra i massimi esperti di bitters a livello internazionale, ha definito “una delle più eleganti espressioni dell’amaro che ci sia”. Si tratta di un amaro dal naso profondo e penetrante, contraddistinto da un'invitante nota di arancia amara che troneggia su altre sensazioni più lievi (una lieve pungenza di pepe, la balsamicità del timo, la rotondità tostata della mandorla). Perfetto digestivo (servito a temperatura ambiente o con un cubetto di ghiaccio), negli ultimi anni ha trovato una sua nuova dimensione nella miscelazione, dando vita a un ricettario entusiasmante.
09-ginger-malizia.jpgTra le novità segnaliamo l'Aperitivo Nonino Botanicaldrink, il Nonino Ginger Spirit (puro distillato di zenzero italiano) e la straordinaria Grappa Nonino Riserva Single cask aged 25 years in barrique quercia Limousin: un invecchiamento iniziato il 31 marzo 1994 e concluso il 30 aprile 2019. È l'unica grappa con invecchiamento certificato di 25 anni sotto sigillo e controllo permanente dell'ufficio dell'agenzia delle Dogane.