Lambrusco dell’Emilia “I Salici” - Monte delle Vigne Rosso (barbera, bonarda) - Colli di Parma Rosso (barbera, bonarda) - Colli di Parma Sauvignon - Colli di Parma Lambrusco “I Calanchi” - Colli di Parma Malvasia - Callas (b - malvasia di Candia aromatica) - Spumante Brut “Monte delle Vigne” - Spumante Brut Rosé “Rubina”
TOP HUNDRED Lambrusco dell’Emilia
TOP HUNDRED Nabucco (r - barbera, merlot)

Clicca qui per leggere l’articolo di Paolo Massobrio uscito su I Giorni del Vino (Einaudi, 2009)





Clicca qui per leggere l’articolo di Paolo Massobrio uscito su La Stampa nel 2015

Top hundred

Top Hundred 2008: Lambrusco dell’Emilia 2007

Siamo in provincia di Parma, in un’azienda che si sta posizionando fra i leader. Di proprietà della famiglia Pizzarotti, merita assaggiare il loro Lambrusco, che ha un colore rubino profondo, quasi impenetrabile. Le bollicine rendono il sorso ricco, il profumo di piccoli frutti e di fragola è un invito. In bocca, oltre alla “sugosità” del Lambrusco di queste terre, piace la lieve nuance aromatica, che accompagna la sua morbidezza. Notevole!

Top Hundred 2015: Nabucco 2010

Dai sette ettari degli esordi, ai sessanta di oggi, con la preziosa cantina ipogea, a pigiatura gravitazionale, con barricaia che può ospitare fino a 700 barriques e impianto di imbottigliamento automatico. Oggi come ieri, sempre grande la passione, e assoluto il rispetto della natura. Tra i vini, tutti di valore (notevoli i Lambrusco), gè decisamente grande il Nabucco, rubino profondo, dal naso ampio e intenso di frutta rossa, liquirizia e sottobosco, dal sorso caldo, equilibrato, persistente. Grande rosso da carni. Grande eleganza.
Unica eccezione dei top di quest’anno, è cantina già premiata nelle edizioni precedenti.