Barolo - Barolo “Le Rocche” e “Roere” - Barolo Riserva “Rocche di Castiglione Falletto” - Barbera d’Alba - Dolcetto d’Alba - Nebbiolo d’Alba - Langhe Arneis

Testo publiredazionale

Una crescita graduale dalle scelte ponderate e mirate. Una storia di mezzadria diventata una storia di vigne, scritta da una famiglia legata alla terra di Langa, a Castiglione Falletto e al suo “oro”: il vino. Dagli anni ’50 i fratelli Remo e Maggiorino Monchiero, originari di La Morra, iniziano il cammino sulla strada del vino.

Nei primi anni ’60 le uve prodotte nei terreni di famiglia vengono vendute ma il desiderio di vinificare è forte e si passa a produrre il vino sfuso per poi imbottigliarlo negli anni ’70 e affacciarsi ai mercati seguendo due linee ben marcate: il Barolo per l’estero (Stati Uniti) e i vini giovani in Italia.

Negli anni ’80 Vittorio Monchiero, figlio di Maggiorino, si specializza alla Scuola Enologica di Alba e cresce insieme all’azienda e ai nuovi terreni acquistati dal padre e dallo zio. Uomo e terra si sviluppano e la nuova cantina è il simbolo della produzione dei Monchiero.

Negli anni ’90 Vittorio, sposato con Daniela, si occupa anche degli aspetti di marketing e il nome della Cantina Monchiero e del suo “oro”, il Barolo, è presente nelle Fiere e nelle degustazioni in giro per il mondo.
Tradizione e innovazione si fondono, i vigneti sono rimessi a nuovo e la produzione aumenta anche grazie all’acquisto di appezzamenti selezionati.

Oggi la produzione della cantina annovera i grandi vini delle Langhe. Protagonista assoluta è il Barolo, proposto in quattro espressioni, frutto di vigneti di nebbiolo esposti sempre nelle migliori posizioni (sud/est o sud/ovest). Ecco allora il Barolo Docg, il Barolo Rocche di Castiglione Falletto Docg, il Barolo Montanello Docg e il Barolo Roere di Santa Maria Docg (da vigneto impiantato a La Morra).

Non mancano Dolcetto d'Alba Doc e Barbera d'Alba Doc e, tra i bianchi, il Langhe Arneis Doc. Il Nebbiolo torna protagonista nelle versioni più giovani del Nebbiolo d'Alba Doc e Langhe Nebbiolo Doc, ma anche nel Rosato Vignola (100% Nebbiolo).
Completano la gamma il Moscato d'Asti Docg e la Grappa di nebbiolo da Barolo.