Nel centro di Milano il locale in cui Marco Stano ha dato frutto al modello degli HiCellar, e dove anche le degustazioni diventano 2.0

Ero stufo  di vedere le enoteche tutte uguali, con i vini sopra gli scaffali suddivisi su base regionale”. Così Marco Stano, intraprendente enotecario di Milano, presenta la sua Hic Enoteche 2.0 (via Spallanzani, 11 - tel. 392 1372252), un progetto ben organizzato ancor prima che un’enoteca.

Un’intuizione, la sua, che ha dato vita ad un format di locale innovativo, dove la tecnologia procede di paripasso con la valorizzazione del buono e del bello che il panorama enologico italiano sa offrire. Entrare in questo wine bar è un’esperienza che coinvolge i sensi a tutto campo. Siamo a due passi da porta Venezia, nell’isola felice che accoglie la movida milanese all’ora dell’aperitivo, e proprio qui, in un ambiente caldo e informale, tra banchi di legno, travi e mattoni a vista si fa spazio l’innovazione degli HiCellar, quadri interattivi su cui vengono appoggiate le bottiglie in esposizione per la vendita, che attraverso uno schermo rimandano le informazioni sulle bottiglie di cui desidera ricevere i dettagli, che vanno dal prezzo ai migliori abbinamenti. Ogni quadro è caratterizzato da un mood, cioè un tema, con una specificità grafica che fa distinguere i vini “da seduzione” da quelli “eleganti” o i vini “animali” da quelli “bio”, e che viene cambiata ogni stagione per dare all’enoteca una configurazione sempre nuova.

Ma a distinguere Hic dagli altri wine shop in circolazione è anche - e soprattutto - la comunicazione intrapresa sui nuovi mezzi, che ha garantito a questo bel locale l’affermazione del format e lo ha confermato come uno dei principali punti di ritrovo per gli amanti del buon bere, informati in tempo reale sull’arrivo di nuove collezioni e di tutti gli eventi connessi, dalle presentazioni alle degustazioni guidate in presenza di produttori importanti. Un esempio su tutti, la degustazione andata in scena giovedì sera, che ha messo in vetrina il progetto Sagrantino & Salute con la degustazione dei vini di Luciano Cesarini e guidata da Paolo Massobrio.

Ma molti altri eventi sono in sono in programma nei prossimi giorni; mercoledì 11 novembre si discuterà di “Teoria e tecnica dell’abbinamento cibo-vino”, mentre martedì 24 novembre (a partire dalle ore 20.00) saranno messi nel bicchiere 8 vini francesi rappresentativi di 4 zone vinicole. Protagonista della serata sarà Meteri, un importante distributore di vini d’Oltralpe, che guiderà alla scoperta delle produzioni migliori di Loira, Camargue, Bordeaux e Borgogna. Il costo della partecipazione è di 40 €, buffet compreso. Per consultare il calendario completo e scoprire come prenotarsi a tutti gli eventi in programma: www.hicenoteche.com