Cos'è, a quali elementi è adatto, come sfruttarlo al meglio

La nostra cucina, dalla dispensa al frigorifero, non ne può più fare a meno: sono decine i prodotti conservati con questa tecnica che utilizziamo nel nostro vivere quotidiano. Allungare la vita degli alimenti, però, è solo una delle sue possibili applicazioni che includono anche cucinare cibi più teneri e succulenti, aiutare la nostra dieta, permetterci di organizzare meglio la nostra dispensa e il nostro tempo, non sprecare e diventare così più sostenibili. Il sottovuoto, infatti, è anche tutto questo. Eccolo spiegato, punto per punto.

Cos'è il sottovuoto
L’ossigeno nell’aria causa il deterioramento del cibo, in primo luogo tramite il processo di ossidazione, che causa la perdita dei valori nutritivi, del sapore e di tutte le sue qualità. L’aria, inoltre, contribuisce alla crescita della maggior parte di microrganismi e determina le bruciature da gelo che si verificano sul cibo surgelato. Il confezionamento sottovuoto si basa proprio sul togliere l'aria e, quindi, l'ossigeno dai sacchetti e dalle vaschette in cui sono stati inseriti degli alimenti. In questo modo è possibile allungare la conservazione di molti cibi freschi, riducendone l’ossidazione e ostacolando la proliferazione microbica (batteri e muffe).

I tempi di conservazione per i diversi alimenti

NB I tempi sono relativi a prodotti correttamente confezionati con accessori originali Berkel

vd immagine tabella
berkel-tabella.jpgGli usi del sottovuoto
Il confezionamento sottovuoto mantiene più a lungo la freschezza e il gusto degli alimenti acquistati al mercato o magari prodotti nell'orto, permettendoci di porzionarli per un migliore utilizzo nel tempo. Gli alimenti acquistati già sottovuoto, come formaggi, salumi e carne, una volta aperti, possono essere riconfezionati sottovuoto nei sacchetti o nei contenitori. La carne, il pesce e le verdure possono essere surgelate senza bruciature da gelo e manterranno freschezza e qualità. Alimenti come caffè, riso, farina e frutta secca dureranno molto più a lungo se confezionati sottovuoto. Il sottovuoto può anche essere utile durante la preparazione del cibo: gli alimenti insieme a spezie e condimenti possono essere cotti a bassa temperatura a lungo, con un impiego ridotto di grassi.
berkel-lavorazione2.jpgCosa ci serve
Naturalmente avere degli strumenti affidabili è fondamentale per tutti gli utilizzi e soprattutto per conservare con sicurezza.
I sacchetti non sono da trascurare: oltre ad essere per alimenti, devono essere resistenti agli strappi e agli sbalzi termici, in modo da essere impiegati nella bollitura, nel congelamento e nello scongelamento al microonde.
sacchetti.jpgIn alternativa ai sacchetti si possono usare anche le apposite vaschette, lavabili, che devono però essere progettate appositamente per questo scopo così da non rischiare spiacevoli incidenti. Affidarsi a sacchetti e vaschette del produttore delle macchine sottovuoto, come accade per gli originali Berkel, è sicuramente il modo migliore per ottenere il massimo dal sottovuoto.
scatola.jpgPoi, naturalmente, c'è la macchina: anche in questo caso i modelli sono tanti e la scelta dovrebbe ricadere su strumenti maneggevoli, resistenti e sicuri. Berkel ha creato la Vacuum che oltre ad avere tutte queste caratteristiche può contare anche su un design che la rende immediatamente identificabile. Berkel Vacuum è dotata di display guida luminoso, doppia pompa di aspirazione per una maggiore durata nel tempo, coperchio in acciaio inox e scocca in ABS. Con 3 programmi di sigillatura (cibi secchi, umidi e molto umidi) e 2 livelli di velocità per alimenti molto delicati, offre un ottimo valore di portata pari a 18 l/min ideale per ridurre i tempi di lavoro.
berkel-lavorazione.jpg
A questo link l'approfondimento sul prodotto.
I.P.