Tre giorni all’insegna della Colleganza e delle cose buone

Si è chiusa ieri la sedicesima edizione di Golosaria Milano, tornata in presenza al MiCo dopo l’ultima edizione del 2019, con una grande partecipazione di operatori e di pubblico. È stato un segno tangibile della ripartenza del settore fieristico e della voglia del pubblico di ritrovare il contatto con le storie e i prodotti più identitari dell’agroalimentare italiano. 
golosaria-conoldani.jpgSono stati tanti gli appuntamenti delle tre giornate, a partire dalla presentazione de L’Ultima Ostessa, libro dedicato alla figura di Anna Dente che sabato mattina ha inaugurato la rassegna con la speciale partecipazione di chef Carlo Cracco accanto a Simone Fracassi, Lisa Fontana e ai figli di Anna Dente.
paolo-cracco.jpgQuindi il talk dedicato al Gusto della Colleganza, condotto da Paolo Massobrio e Tessa Gelisio, con gli esempi virtuosi di realtà che durante la pandemia hanno saputo rialzarsi scoprendo nuove alleanze tra produttori e botteghe, ma anche negozi di città e di campagna o realtà di territorio uniti per inseguire un progetto comune.
Domenica mattina, la proclamazione dei Top Hundred, i 100 migliori vini d’Italia premiati per il ventesimo anno consecutivo e oggetto di un libro l’Emozione del Vino, con 2.000 cantine recensite.
golosaria-attestato.jpgSpazio poi alle Botteghe, celebrate nella giornata di domenica con la presenza sul palco dell’Agorà del conduttore tv Patrizio Roversi
golosaria-roversi.jpge infine ai ristoranti, le tavole eccellenti di tutta Italia premiate ieri da Paolo Massobrio e Marco Gatti davanti a centinaia di ristoratori provenienti da ogni parte d’Italia. Una giornata attesa, che ha visto anche l’assegnazione della nuova Corona Rossa Unica, consegnata quest’anno al ristorante Casa Mazzucchelli di Sasso Marconi. Nicolò Quarteroni dell’agriturismo Ferdy – Corona Rossa dell’ultima edizione della guida – ha così passato il testimone alla cuoca Aurora Mazzucchelli che ha deciso di dedicare il suo talento alla pizza, piatto italiano per eccellenza.
golosaria-ferdy.jpgGrande soddisfazione anche per la nascita di un fenomeno, che è proprio il Gusto della Colleganza, che è stato il titolo della rassegna e di un manifesto firmato sul palco da tanti titolari di botteghe e ristoratori. La colleganza, che sancisce nuove alleanze che nascono per un progetto o per il bene comune, diventa quindi un concetto chiave da cui ripartire.
golosaria-firma.jpgSegnatevi intanto l'appuntamento per la prossima edizione di Golosaria Milano: al Mi.Co di Fieramilanocity dal 5 al 7 novembre 2022.