I sapori della regione si riflettono perfettamente nella proposta di questo ristorante. Il merito è di Caterina Ceraudo, erede di una famiglia di vignaioli e ambasciatrice del gusto calabro in Italia, che fa sperimentare un’esperienza sempre felice e intensa. La location è suggestiva e affascinante: un antico frantoio di un casolare del 1600, arredato in modo elegante e abbracciato dei vigneti e dagli uliveti dell’azienda. Si beve alla grande. Un sogno.

Piatti imperdibili: baccalà, sambuco e cetrioli; ricciola affumicata, yogurt e cipolla; raviolo bianco di ricotta di pecora, latte e ginepro; spaghettone quadrato, finocchietto e gamberi rossi; pollo, patate e rosmarino; maiale, fichi e menta. Merendella, mandorle e basilico; cioccolato bianco, aceto di lamponi e liquirizia e frutti rossi
Prezzi medi: Antipasti 20; Primi piatti 22; Secondi piatti 28; Dolci 8
Menu Degustazione a 60 euro (4 portate), a 75 euro (6 portate), a 130 euro (12 portate)



Servizi; parcheggio riservato; dehors; menu vegetariano; animali di piccola taglia ammessi; aperto domenica sera
COPERTI

35+35

RIPOSO

dal 2/4 al 30/6 aperto a cena da giovedì a sabato e a pranzo sabato e domenica; dall’1 al 31/7 e dall’1 al 15/9 aperto a cena (tranne lunedì); dall’1 al 31/8 aperto a cena

FERIE

da novembre a fine marzo

PREZZO MEDIO

Euro 78

CARTE DI CREDITO

tutte (tranne dn)