Dici 'Vittorio di Bergamo', e tutti pensano al mito della cucina e dell’accoglienza italiana e alla famiglia Cerea. Dopo mezzo secolo dagli esordi, a scrivere pagine senza eguali del gusto mondiale, sono mamma Bruna, e i suoi figli, Enrico, Francesco e Roberto, Barbara e Rossella che gestiscono con talento unico, più attività. Nel loro relais da sogno, con le camere romantiche per chi vuol fermarsi, il ristorante in cui, con un servizio di precisione millimetrica e con i vini di una cantina sterminata, si gusta cucina d’autore di eccellenza, per un’esperienza che così emozionante si vive in pochi locali al mondo. Almeno 6 ispettori hanno voluto provare la cucina, quest’anno, confermando l’esperienza unica, nonostante i prezzi a piatto 'importanti'.

Piatti imperdibili: crudo 'D’amare' pesci e crostacei; trilogia di foie gras: la ciliegia, la rosa, la scaloppa; uovo all’uovo; risotto pesto, gamberoni, emulsione di pomodoro; lo scorfano scomposto brasato e crudo; moro antartico in verde; punta di petto, yogurt al dragoncello, patata e kale; agnello arrosto, emulsione di aglio e lattuga. Finta mozzarella (pellicola di latte con spuma allo yogurt, gelato al mascarpone, lampone croccante e pomodorini confit all’arancio); ammazza caffè (caramello e caffè con gel alla sambuca, massa di cacao cristallizzata, neve allo yogurt e cialde al lievito)
Prezzi medi: Antipasti 80; Primi piatti 80; Secondi piatti 80; Dolci 25
Menu Tradizione a 260 euro (9 portate); Menu Carta Bianca a 350 euro (16 portate)


Servizi; parcheggio riservato; dehors; menu vegetariano; animali di piccola taglia ammessi; zona fumatori; servizio doggy bag
Servizi
COPERTI

70

RIPOSO

mercoledì a pranzo

FERIE

variabili in agosto

PREZZO MEDIO

Euro 265

CARTE DI CREDITO

tutte