Ischia Forastera - Ischia Per’e Palummo - Ischia Rosso “Dedicato a Mario D’Ambra” (r - per’e palummo, guarnaccia) - Passito Gocce d’Ambra
TOP HUNDRED Ischia Biancolella “Tenuta Frassitelli”

Clicca qui per leggere l’articolo di Paolo Massobrio uscito su Il Buon Bere (La Stampa, 2002)





Clicca qui per leggere l’articolo di Paolo Massobrio uscito su La Stampa nel 2017

Testo publiredazionale

L'azienda vitivinicola Casa D'Ambra nasce nel 1888 grazie a Francesco D'Ambra con il commercio dei vini di Ischia, apprezzati e consumati non solo sul territorio isolano, ma anche sulla terra ferma.
Varie sono le date che fanno di Casa D'Ambra un'azienda innovatrice. 
Nel 1956, quando già l'attività era nella mani della seconda generazione, Salvatore - il più piccolo dei fratelli - vinifica la prima bottiglie di Biancolella che rappresenta non solo il passaggio del vino dalla caraffa alla bottiglia,  ma anche  una delle prime vinificazioni - sicuramente la prima sull'isola - dell'autoctono in purezza.
Nascono poi Forastera e Per''e Palummo che tutt'oggi rappresentano i vini di punta dell'azienda.
Altra data fondamentale è il 1966 quando Mario, Michele e Salvatore ottengono la DOC Ischia che proprio quest'anno compie 50 anni. 
Nel 1985 dai 4 ettari di terreno tufaceo coltivati unicamente a Biancolella, nasce grazie ad Andrea D'Ambra, il vino Frassitelli che prende il nome dalla zona e che tutt'oggi rappresenta uno dei vini di punta dell'azienda.
I 4 ettari della tenuta Frassitelli rappresentano l’unico vigneto di proprietà della famiglia D’Ambra. Posto magico e incontaminato a 600 metri s.l.m., fu acquistato e coltivato a Biancolella dalla famiglia D’Ambra negli anni ’70. Quaranta sono invece gli ettari totali tra fitto, gestione e proprietà, di cui 26 costituiscono una cooperativa di 118 viticoltori.
 
L'azienda attualmente produce 500.000 bottiglie l'anno, di cui l'80% è rappresentato da vini bianchi, ottenute unicamente da uve autoctone e si impegna nel recupero dei terreni dell'isola, per sottrarli all’abbandono e all’edilizia. Solo nel 2015 sono stati recuperati 15 ettari, impresa non facile poiché si tratta di appezzamenti anche inferiori a un ettaro e situati in zone non sempre facilmente accessibile dell'isola d’Ischia. Le uve, vendemmiate a mano, vengono raccolte dalla prima settimana di settembre e si conclude verso la metà di ottobre.

Oggi Casa D'Ambra è alla quarta generazione con Marina e Sara, le figlie di Andrea D'Ambra che lo affiancano nella gestione dell'azienda.