Paolo Cassini è un vero artigiano dell’olio. Per capire cos’è per lui l’olio basta guardarlo negli occhi. È legato a Isolabona dove porta avanti la tradizione di famiglia e a quella terra dedicata alla Taggiasca. In azienda ha scelto un moderno sistema di estrazione a ciclo continuo, per garantire semplicemente il meglio che dall’oliva si può ottenere. Sempre. L’extravergine S’ciappau Gran Cru anche quest’anno si conferma l’esempio delle vere potenzialità della Taggiasca. Di colore giallo, limpido, al naso offre un profumo elegante, delicato, che richiama carciofo ed erbe aromatiche. In bocca è ampio, con il tono dolce che vibra all’arrivo della vena amara che si fa largo, con le note di pinolo e mandorla e lieve piccante in chiusura. Nella retro etichetta Cassini riporta i risultati di analisi chimiche di acidità, perossidi e polifenoli. Veri. Produce anche pasta di olive, nell’extravergine S’ciappau.