Valcalepio Rosso - Valcalepio Rosso “Orologio” - Valcalepio Rosso Riserva “Akros” e “Vigna del Conte” - Valcalepio Bianco “Orologio” - Sogno (b - Bergamasca incrocio Manzoni) - Terre del Colleoni Incrocio Manzoni 6.0.13 - Bergamasca Schiava - Bergamasca Moscato Giallo “Suite” - Spumante Brut Metodo Classico “SottoSopra” - Moscato Aromatico “Matisse” (rs - moscato di Scanzo)
TOP HUNDRED Valcalepio Moscato Passito “Perseo”

Clicca qui per leggere l’articolo di Paolo Massobrio uscito su La Stampa nel 2011





Clicca qui per leggere l’articolo nella pagina Facebook I Vini del Golosario

Top hundred

Top Hundred 2008: Valcalepio Moscato Passito “Perseo” 2001

Un caso comune a tante zone dell’Italia, che rappresenta l’occasione di bere il vino quotidiano, è l’evoluzione qualitativa della cantina sociale.
Da mezzo secolo quella della Bergamasca è il motore della Valcalepio. Ha valorizzato i vitigni locali, affiancando tecniche moderne. Entusiasmante il Valcalepio Moscato passito “Perseo” ma anche il recente SottoSopra metodo classico Brut, da una cuvée di chardonnay e pinot bianco e un poco di pinot nero. La permanenza sui lieviti è di 28 mesi: ha colore dorato, perlage finissimo e spuma abbondante; al naso i profumi rimarcano crosta di pane e nocciola, mentre in bocca è secco, fresco, di buona persistenza. Il grande rosso di sempre è invece il Valcalepio Rosso Riserva “Akros” 2006, da uve merlot e cabernet sauvignon vinificate separatamente con affinamento per almeno 2 anni in botti grandi.