Cannonau di Sardegna - Isola dei Nuraghi “Luzzana” (r - cannonau, cagnulari) - Isola dei Nuraghi Cagnulari - Vermentino di Sardegna “Tuvaoes” e “Pigalva” - Isola dei Nuraghi “Boghes” (b - vermentino) - Vermentino di Sardegna Spumante Brut Metodo Classico “Filighe” - Tokaterra (uve stramature)
TOP HUNDRED Isola dei Nuraghi “Soberanu” (r - cagnulari, cabernet s.)

Clicca qui per leggere l’articolo di Paolo Massobrio uscito su I Giorni del Vino (Einaudi, 2009)


Clicca qui per leggere l’articolo di Paolo Massobrio uscito su Il Tempo del Vino (Rizzoli, 2006)




Clicca qui per leggere l’articolo nella pagina Facebook I Vini del Golosario


Top hundred

Top Hundred 2003: Isola dei Nuraghi “Soberanu” (r - cagnulari, cabernet s.) 2000

Nata nel 1970, con 2 ettari di vigna ricevuti in eredità, questa azienda è cresciuta fino alle attuali dimensioni, circa trenta ettari, ma soprattutto proponendo vini di anno in anno più interessanti, con protagonisti vermentino, per i bianchi, e cannonau e cagnulari, per i rossi.
Fu Gino Veronelli a scoprire il Vermentino “Vigna Tuvaoes”. Noi, con lui, consideriamo il Tuvaoes uno dei grandi vini d’Italia.
Di Giovanni Maria Cherchi, conosciuto da tutti come Zio Billia, tuttavia, è grande anche Babbu Meu Soberanu (Padre Eterno Dio Mio Supremo, da un’antica preghiera agropastorale sarda), rosso da uve cagnulari (e arrotondato con cabernet), che nel 2003 ci emozionò tanto da conquistarsi l’inserimento tra i nostri Top Hundred.
Proposto solo in magnum, è vino di colore rubino intenso, dai profumi eleganti di tabacco, ciliegie, e ratafià speziato, dal gusto caldo, morbido, equilibrato. Si abbina a carni rosse e selvaggina.