Cerca tra 2567 ristoranti, 3165 cantine, 4381 negozi e molto altro

CERCA
RICERCA AVANZATA
RESET
Close Menu

La cantina del Picolit

Alessandro Ricci | 17-03-2017

A Premariacco, nei Colli Orientali del Friuli, ha sede la storica cantina Rocca Bernarda

È un nome storico, Rocca Bernarda, realtà produttrice di vino fin dal 1559. E lo fa in luogo incantevole, a Premariacco, nei Colli Orientali del Friuli, in una villa edificata nel 1567 dai Conti Valvason Maniago. Tutto attorno, si estendono i 260 ettari di terreno di proprietà, di cui 38 vitati, che comprendono l'eredità immensa di alcuni terrazzamenti costruiti già nel 1559. Il terreno è la tipica “ponca” friulana, composta da sabbie e marne arenarie, che trasmette ai vini eleganza e mineralità. 

Su ognuna delle circa 100.000 bottiglie prodotte spicca la croce di Malta, perché la cantina è oggi di proprietà della Società Agricola Vitivinicola Italiana (Sagrivit), una delle più grandi realtà agricole nazionali, che gestisce il patrimonio storico agrario dell'Ordine di Malta. Questo comprende anche tre cantine storiche come il Castello di Magione in Umbria, Villa Giustiniani in Veneto e, appunto, Rocca Bernarda, appartenuta alla famiglia Perusini, alla quale si deve il recupero della produzione del Picolit. Fu infatti il conte Giacomo Perusini a reimpiantare a fine Ottocento le prime barbatelle di questo vitigno e a scrivere nel 1906 un trattato sul Picolit, nel quale si dilungò sui differenti cloni, le tecniche di coltivazione e di vinificazione.

E allora per raccontare questa cantina non si può che partire dal Picolit, appassito ancora nei graticci posti nella torre dellla villa. Il 2010 (prezzo in enoteca, 45 € circa) profuma al naso di gherigli di noce e tanta albicocca, ma è in bocca che sorprende per l'equilibrio perfetto tra forma e sostanza, residuo zuccherino e persistenza. Qui esplode in note di frutta secca, miele d'acacia, albicocca ed agrumi. Un sorso fresco, di sorprendente beva.

La filosofia produttiva di questa cantina è chiara: territorialità, nel segno degli autoctoni. E vini dal forte imprinting friulano. 
Tra i bianchi dell'annata 2015 – nel complesso elegante, un filo magra nel sorso – spiccano tre vini. Il Sauvignon convince già dai profumi, dove le note classiche di questo vitigno sono presenti ma non sbracano, arrotondate da un frutto fragrante e un sentore floreale. Il sorso è rotondo, piacevole, sostenuto da acidità e mineralità. La Ribolla profuma di albicocca e nespola, e poi ginestra, dimostrando perfetta corrispondenza tra bocca e naso. Interessante anche il Friulano, delicato nei profumi fruttati, e ricco in bocca, dai sentori quasi burrosi, con un finale di mandorla che prolunga il sorso. Tre vini – Sauvignon, Ribolla e Friulano – che in enoteca si trovano a 13 euro circa.

Tra i rossi 2015, è particolare il Cabernet Franc, che colpisce al naso con pepe, una punta di cannella, frutta rossa matura. In bocca spicca per concentrazione, ma non perde piacevolezza, confermando le note pepose del naso, la frutta, una vaga dolcezza finale. È riuscito anche il Refosco dal peduncolo rosso: ancora speziatura dolce, mora di rovo, e poi una morbidezza elegante che non rinuncia al carattere.

Sono due i rossi invecchiati, che sostano nella barricaia storica posta sotto la villa. Il Centis 2009 (prezzo medio in enoteca, 18 €) è un merlot in purezza affinato in barrique per circa 18 mesi, che evidenzia profumi complessi scanditi da morbide note terziarie di caffè e cannella, e sostenuti da una marasca ancora vispa. Nel bicchiere, si conferma piacevole, dai tannini decisamente levigati e una freschezza contenuta. Da bere ora.

Il Nocevento Pignolo (prezzo medio in enoteca, 30 €), annata 2008, prodotto in occasione del novecentesimo anniversario della Bolla “PIE POSTULATIO VOLUNTATIS” con la quale Papa Pasquale II nel 1113 poneva il Sovrano Militare Ordine di Malta sotto la protezione della Santa Sede, è frutto di una macerazione sulle bucce di circa 20 giorni, e di un passaggio in barrique di rovere francese dove sosta per almeno 18 mesi. Ha la personalità e complessità dei grandi vini: la speziatura è variegata, ha un fondo selvatico che lo rende vibrante, e una succosità che in bocca si risolve in un sorso di grande equilibrio e sostanza. Sembra ancora giovane, nonostante i quasi 10 anni. E anche questo, è segno di un grande vino. Da averne in cantina!

Rocca Bernarda

via Rocca Bernarda, 27 – Premariacco (UD)
tel. 0432716914 - www.sagrivit.it

CONDIVIDI
Facebook Twitter GooglePlus

L’ecosistema Podere Forte

L’ecosistema Podere Forte

Un'azienda agricola senza paragoni. Antica e moderna, tradizionale e futuribile

La qualità a tutti i costi nel pieno rispetto per l’ambiente: primo, originale e unico protagonista di quell’eccellenza cercata con determinazione e infinita passione

  • 14/09/2016

    Dal 1 di ottobre è disponibile su tutti i mercati il nostro Cru Guardiavigna, vendemmia 2013: un’annata eccellente!

    Leggi >