• ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario

Cerca tra 2565 ristoranti, 3165 cantine, 4378 negozi e molto altro

CERCA
Chiudi Menu

Le Notizie del giorno 29/06/2016

La Notizia

La Notizia

Gli italiani amano fare la spesa, anche online. A due giorni dalla pubblicazione dell’ultima ricerca Nielsen sulle abitudini di spesa del Bel Paese, emerge come anche il web si stia affermando come apprezzato canale di acquisto, specialmente per velocità e ampiezza della scelta. A dare impulso a questa tendenza la nascita di Amazon Prime (3 novembre 2015 n.d.r), che ha reso disponibile anche in Italia il servizio di consegne rapide per beni di largo consumo. “Il mercato della spesa online in Italia vale 460 milioni ed è in crescita del 24% rispetto all’anno scorso - ha confermato il direttore dell’area retail di Nielsen Romolo De Camillis - Stiamo assistendo a una rivoluzione delle abitudini di spesa degli italiani”. Ma oltre ad Amazon, sono sempre di più gli operatori che si affacciano sul mercato; a partire da Supermercato24, la start-up veronese che fa la spesa al nostro posto per 4,90 euro, ma anche Cortilia, alfiere della tracciabilità dei prodotti freschi. (Corriere della Sera) @ Ma a definire il cibo come “locomotiva del Paese” è anche Italia Oggi, che riprende i dati del Food Industry Monitor 2016 elaborato dall’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo segnalandone le tre indicazioni chiave: l’agroalimentare cresce a velocità superiore rispetto a quella dell’economia italiana (+8% dell’agroalimentare contro il +0,8% del Pil nazionale), l’agroindustria italiana mostra di saper innovare e aggiungere valore alle materie prime di qualità e - terzo - il comparto investe di più rispetto alla media nazionale. Le migliori performance? Arrivano da distillati, food equipement, caffè e vino. (Italia Oggi) @ Dall’impulso del cibo alla guerra del panino che divide Firenze. Da un lato Palazzo Vecchio, che ha appena avviato una “crociata” contro bancarelle e kebab nel centro storico, dall’altro Mc Donald’s, che intenderebbe aprire un nuovo ristorante all’ombra del Duomo fiorentino, sfoderando per l’occasione un nuovo format, con prodotti locali e servizio ai tavoli. E mentre (anche) i residenti si dividono, dal Sindaco della città Dario Nardella arriva un no secco. E il colosso USA non ci sta: “Faremo di tutto per avere il nostro migliore ristorante al mondo proprio in città, a costo di adire a vie legali”, è stata la replica dell’ad di Mc Donald’s Italia Roberto Masi. (La Repubblica) @ “La promozione turistica può valorizzare anche tanti piccoli produttori agricoli che rappresentano un’eccellenza del territorio”. A dirlo è Giovanna Prandini, titolare della cantina lombarda Perla del Garda e presidente della Strada dei Vini, che interviene su QN sostenendo che turismo e agroalimentare siano strettamente legati. “C’è una rete agricola di qualità - ha dichiarato - che merita di essere difesa e fatta conoscere insieme al patrimonio paesaggistico e alla cultura locale”. (QN) @ “Carenza allarmante di vitamine”. Questa la prognosi con cui una bimba genovese di due anni è finita in rianimazione dopo un ricovero d’urgenza per sospetti danni neurologici e difficoltà nei movimenti, causati dalla dieta vegana cui era sottoposta. La bimba è stata salvata dai medici, ma i genitori sono stati segnalati ai servizi sociali. (La Repubblica) 

Il ristorante più alto d'Italia e vademecum del gelato

Il ristorante più alto d'Italia e vademecum del gelato

Buona la prima per Piano35, il ristorante più alto d’Italia che a Torino sta già riscuotendo grande successo. Il locale, inaugurato ieri al 35esimo piano (appunto) del grattacielo di Intesa San Paolo, è stato affidato allo chef Ivan Milani e ha già registrato il tutto esaurito, almeno fino a settembre. Chi ad ogni modo non volesse rinunciare a una pausa in relax, potrà recarsi al 37esimo piano, dove la scorsa settimana ha aperto anche il lounge bar gestito dal bartender Mirco Turconi, che assicura cocktail d’autore e vista mozzafiato su tutta Torino (La Stampa) @ Artigianale, sano e - soprattutto - buono: il gelato non passa mai di moda e si conferma come il dolce simbolo dell’estate. Su Repubblica ne parla Federico De Cesare Viola, con un vademecum che consiglia, da Nord a Sud, le migliori gelaterie e i gusti che proprio non si possono perdere; dal gelato alle pesche di Volpedo della gelateria Soban di Alessandria a quello al caramello salato di Galliera49 di Bologna, passando per il gelato al Parmigiano Reggiano stagionato di Carapina di Firenze all’indimenticabile gusto mandorla del Caffè Sicilia di Noto. Ma quali caratteristiche deve avere un gelato per essere veramente buono? Lista dei gusti limitata, frutta rigorosamente di stagione, niente antiossidanti emulsionanti e coloranti, nessun colore eccessivo e poche guarnizioni. Solo per citarne alcune. (La Repubblica)

In memoria di Gloria e Migia

In memoria di Gloria e Migia

Dio chiama con sé i migliori per un disegno che non conosciamo, se non che ogni morte è per la vita”. Lo scrive Paolo Massobrio, che su Avvenire di oggi ricorda Gloria Valcanover e Maria Luisa Fassi, due donne giovani e volitive strappate alla vita anzitempo. “Ma chi sono state Gloria e Migia? - scrive - Due sentinelle di territori dimenticati”. 

L'assaggio

L'assaggio

E’ da Arià - Osteria di Fuori Porta (via della Necropoli, 2 - tel. 3896756950) di Cerveteri (Roma). Un bel locale d’atmosfera appena inaugurato, guidato da Gianluca D’Amelio e dalla moglie Arianna Pietrolati, che in cucina mimano sapientemente la proposta di terra e quella di mare; ecco allora il polpo su crema di patate (nella foto) e il trancio di palamita su zucchine in scapece, ma anche le fettuccine con pomodorini crema di basilico e burratta e il galletto ripieno in salsa di peperoni. Il nostro approfondimento su ilGolosario.it

Il Vino

Il Vino

E’ il Kerner della Tenuta Winzerberg (tel. 030 2279601) di Bolzano. Ha colore paglierino brillante, al naso sono avvincenti le note balsamiche e sembra di sentire la freschezza delle erbe di un bosco, mai poi anche albicocca, pesca e frutti esotici. In bocca è rotondo con un'acidità particolarmente gradevole e incisiva che prolunga la persistenza. Da conoscere assolutamente accanto a un Pinot bianco della medesima azienda, di grande eleganza.

CONDIVIDI
Facebook Twitter GooglePlus