• ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario

Cerca tra 2564 ristoranti, 3165 cantine, 4378 negozi e molto altro

CERCA
Chiudi Menu

Le Notizie del giorno 27/06/2019

La Notizia

La Notizia

Nestlè sdogana l’etichetta a semaforo e fa infuriare il mondo del cibo italiano. La multinazionale svizzera ha infatti deciso di dotare tutti i suoi prodotti del sistema nutri-score, la contestata etichetta che tramite un doppio codice - cromatico e alfabetico - rivela quanto contenuto negli alimenti dividendo gli ingredienti in “buoni” o “cattivi”. Alla base della decisione di Nestlè la crescente necessità degli europei di conoscere il contenuto dei cibi che acquistano. Ma l’Italia non ci sta e, dopo aver sventato un primo tentativo dell’ONU di promuovere l’etichettatura a semaforo, ora teme nuovamente per le tipicità made in Italy. Secondo Luigi Scordamaglia di Filiera Italia “Questo sistema fa il gioco di poche multinazionali che decidono di adottarlo per andare sempre più verso l’omologazione dell’alimentazione”, mentre per Coldiretti si tratta di “Etichette ingannevoli che, con la semplificazione, rischiano di sostenere modelli pericolosi per la salute e il sistema produttivo di qualità del made in Italy, promuovendo cibi spazzatura”. (La Stampa) E sullo stesso argomento interviene su Libero anche Carlo Cambi, che scrive: “Sapete di chi è l’acqua San Pellegrino che sponsorizza gli chef star e ha alimentato il mito, per fortuna tramontato, di Ferran Adrià, il cuoco molecolare che aveva per parola d’ordine ‘todo es chimica’ (tutto è chimica)? Della Nestlè”. @ Via libera alla carta d’identità alimentare. E’ stato presentato ieri MyCIA, il primo documento digitale che racchiude lo stile alimentare di ogni persona, dalle scelte etico religiose alle intolleranze, passando per i gusti e le preferenze a tavola. Il documento si potrà scaricare tramite un’app sul proprio smartphone e condividere con il ristorante preferito o la struttura scelta per le vacanze e, tramite un algoritmo, aiuterà a scegliere il menu più adatto alle proprie necessità. Marta Bravi sul Giornale. @ Dal conservatorio al panificio. Su La Stampa è da leggere la storia di Filippo Lanza, il musicista di Viguzzolo che, dopo un diploma al conservatorio, ha deciso di diventare imprenditore nella panificazione. “E’ stato un successo - racconta - ma mi servono collaboratori”. @ Antonino Cannavacciuolo si dedica all’Opera. La stagione 2019-2020 del Teatro Coccia di Novara, il prossimo 10 novembre ospiterà infatti “Opera Live cooking - mettici il cuore”, uno spettacolo con soggetto di Luca Baccolini, libretto di Vincenzo De Vivo e partitura musicale di Valentino Corvino. Ma attenzione: il suo compito non sarà cantare, ma cucinare.

Rubriche

Rubriche

Su La Stampa di oggi Paolo Massobrio racconta il Montepulciano “di qualità eccelsa” prodotto a Rosciano (PE) dalla cantina Marramiero. @ Sulla stessa pagina Edoardo Raspelli recensisce i piatti del ristorante dell’Augustus Lido Resort - Bambaissa di Forte dei Marmi (Lucca) con voto finale 14/20.

Un libro per i 90 anni del Corriere Vinicolo

Un libro per i 90 anni del Corriere Vinicolo

Si terrà questa sera, dalle ore 17:30 all’Auditorium del Corriere della Sera “Sala Buzzati” (via Eugenio Balzan 3 – Milano) la presentazione del volume “Si pubblica il sabato” che racconta 90 anni di storia dell’Uiv Unione Italiana Vini e del settimanale Corriere Vinicolo e che ripercorre quasi un secolo di storia italiana riletta con gli occhi del settore vitivinicolo attraverso una selezione di articoli raccolti dagli archivi storici del Corriere Vinicolo e del Corriere della Sera. Si scoprono così dinamiche sociali, culturali, politiche ed economiche che testimoniano quanto il vino - e il suo mondo - siano stati importanti e radicati nel Paese, offrendo una chiave di lettura nuova per comprendere perché, ancora oggi, questo prodotto sia un valore del “sistema Italia” ben oltre il suo peso economico e produttivo.

L'assaggio

L'assaggio

Al Rifugio Valle Vogna (fraz. S.Antonio, 1 • tel. 016391918) di Riva Valdobbia (VC). Raggiungibile a piedi o in auto, è la sosta ideale prima di incamminarsi alla scoperta dei paesaggi incontaminati della valle. In un ambiente semplice e senza fronzoli, si gusta una cucina casalinga, ispirata da ricette e materie prime della Valsesia. Ecco allora la polenta, proposta con costine di maiale o spezzatino, la prelibata cacciagione indigena o la zuppa della Valle Vogna, una minestra di patate “masarai” con porri, burro e speck. Su ilGolosario.it la sosta di Andrea Voltolini. 

Il Vino

Il Vino

Il Toscana Rosato 2018 di Fattoria Sardi Giustiniani (tel. 0583 341230) di Lucca. Dal colore delicato, che ricorda la buccia di cipolla, al naso è molto elegante con note di giaggiolo, piccoli frutti e in particolare fragoline di bosco, sentori minerali, mentre al palato è fresco e di grande sapidità, armonico, e con un finale di buona lunghezza. Ideale con carne cruda, carni bianche, secondi di mare e zuppa di pesce.

CONDIVIDI
Facebook Twitter GooglePlus LinkedIn