• ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario
  • ilGolosario

Cerca tra 2564 ristoranti, 3165 cantine, 4378 negozi e molto altro

CERCA
Chiudi Menu

Le Notizie del giorno 11/11/2019

La notizia

La notizia

Le botteghe italiane sempre più in crisi: negli ultimi dieci anni sono sparite 200mila botteghe. E le nuove aperture in media durano dai tre ai cinque anni. A dirlo uno studio della Cgia di Mestre che spiega come di queste 170mila siano botteghe artigiane e 30mila le attività commerciali. Maglia nera al Piemonte che ha perso 7834 negozi. @ Ha ricevuto il premio “Lombardia è ricerca” il biologo Guido Kramer per gli studi sul rapporto tra restrizione calorica e longevità. Lo studioso infatti ha analizzato il meccanismo dell’autofagia delle cellule mediante la restrizione calorica, un meccanismo che induce il corpo a eliminare all’interno quelle che riconosce come scorie. Sul Corriere della Sera, anche qualche consiglio pratico: evitare carboidrati e zuccheri, esercizio fisico quotidiano per almeno trenta minuti, un regime alimentare con frutta, verdura, legumi e un po’ di pesce, e saltuariamente allungare l’intervallo tra i pasti, saltando il pranzo. @ Vendemmia in calo : secondo i dati coldiretti l’annata 2019 fa segnare un -20% rispetto a quella precedente con un risultato complessivo di 44,3 milioni di ettolitri. Un risultato in linea con il resto d’Europa che ha fatto registrare un calo del 18%.

Chef Rubio saluta i camionisti, la stagione del cardo, la riscossa della capra

Chef Rubio saluta i camionisti, la stagione del cardo, la riscossa della capra

Chef Rubio, dopo le polemiche dei giorni scorsi, annuncia il divorzio da Discovery Channel: “Non avevo più la serenità, le motivazioni e l’energia per continuare a girare” ha spiegato. Si attende il nome di chi lo sostituirà al timone di Camionisti in trattoria. @ Il cardo, un ortaggio digestivo, depurativo e antiossidante che merita di essere mangiato in questa stagione. Ne parla su LaVerità Gemma Gaetani che dice: “L’ortaggio di antichissima tradizione è meno conosciuto di quel che merita” Lo conoscevano già Greci e Romani ed è il simbolo nazionale della Scozia (ma anche il Piemonte non scherza. ndr). @ Riscossa della capra, che ora vede crescere i consumi: dal latte alla carne fino alla lana. Lo scrive Giancarlo Saran su La Verità che titola: “Riscossa della capra, il maiale con le corna” (e nella prima riga del sottotitolo la definisce “vacca dei poveri”. “Gallina dalle uova d’oro” no?).

Il patto per il turismo

Il patto per il turismo

Firmato sabato ad Alba un patto per la promozione turistica congiunta di Piemonte, Valle d’Aosta e Liguria, presenti i rispettivi assessori regionali Vittoria Poggio, Laurent Viérin e Gianni Berrino. L’accordo nasce per creare sinergie tra i tre sistemi turistici delle regioni confinanti che individuano uno die comprensori, tra mare e montagna, più belli del mondo.

Ho capito bene?

Ho capito bene?

Vanno all’asta per 1800 euro le bottiglie recuperate tra le macerie del resort di Rigopiano. Protestano le famiglie delle 29 vittime che parlano di macabro brindisi. Le bottiglie fanno parte di un’asta - finora andata deserta se non per le bottiglie - dove ci saranno anche arredi, recuperati per risarcire i creditori di una società fallita. (QN)

L'assaggio

L'assaggio

E’ al ristorante Villa Maiella (tel. 0871 809319) di Guardiagrele (Ch), un luogo di pura bellezza dove si assaggiano quenelle di pane su brodo di funghi con quinoa soffiata, la reinterpretazione del Cac’e Ove, golose pallotte di formaggio pecorino e uovo fritto su salsa di pomodoro e basilico e l’agnello battuto croccante su crema di canestrato di pecora. Ne parla Emanuela Sanavio su IlGolosario.it

Il Vino

Il Vino

E’ il Canavese Barbera La Torre di Donna Lia di Salussola (Bi). Dal colore rubino luminoso con riflessi violacei, ha profumi di violetta, ciliegia croccante, note di pepe nero e sbuffi mentolati, sentori di chiodi di garofano e liquirizia, sorso secco e di buona bevibilità.

Lutto

E’ scomparso a 78 anni lo chef Paolo Vai, che con il suo Cavallo Bianco nel centro storico di Aosta ha segnato tra gli anni Settanta e i Novanta una tappa importante dell’affermazione della cucina italiana nel mondo. Fino a pochi giorni fa ovvero fino a quando la salute glielo ha permesso, ha seguito le cucine de “Le Bar à Vin” di Aosta.

CONDIVIDI
Facebook Twitter GooglePlus LinkedIn