La Notizia

L’Italia torna in zona gialla e anche i ristoranti si avviano alla riapertura. A Milano, in Galleria Vittorio Emanuele, sono diversi i locali che hanno annunciato di rialzare le saracinesche già da oggi, seguendo tutte le regole del caso: dallo storico Salvini a Cracco in Galleria. (QN) @ E proprio Carlo Cracco ha deciso di puntare sulla ripartenza con una nuova apertura. Sui Navigli, gli spazi di Ca’ Bianca, già glorioso locale frequentato dal popolo della notte, sono stati trasformati dallo chef in un ristorante-bistrot in collaborazione con il titolare Dino Scaggiante. La nuova creatura sarà inaugurata oggi e si chiamerà “Carlo al Naviglio”. Al momento potrà però funzionare solo il Caffè al piano terra, grazie alla veranda. “Mi sembra un bel segnale, partire con una cosa nuova - spiega lo chef - Sappiamo che i problemi non finiranno presto, avere un’occasione così è magnifico”. L'approfondimento di Mariella Tanzarella su Repubblica. @ Novità in vista anche per il presidente e ad di Moncler Remo Ruffini, che fa un altro passo nella ristorazione d’alta gamma. Dopo essere entrato nel 2018 al 40% attraverso il veicolo Archive in Langosteria Holding, mediante la neco Our Group di cui è socio unico ha acquisito il pegno sul 100% di Una srl, società proprietaria del ristorante milanese Nunasoulfood, lanciato dallo chef Matteo Pancetti. (Repubblica) @ Di fronte a un popolo che diligentemente si impegna a seguire le regole, non manca chi - in barba ai divieti - preferisce comportarsi come se il Covid non esistesse. Mentre da Nord a Sud nell’ultimo weekend sono piovute le sanzioni per feste e assembramenti non richiesti, a far discutere è anche quanto capitato a Chivasso, dove alcuni negazionisti - senza mascherine e con cartelli con scritto “Siamo tutti vivi” - sabato si sono ritrovati per un aperitivo in Torteria, il locale che rifiuta di chiudere nonostante per cinque volte sia stata sospesa la licenza per non aver rispettato le normative. Le forze dell’ordine hanno seguito a distanza la manifestazione, decidendo di non intervenire per questioni di ordine pubblico, ma una trentina di partecipanti sono stati identificati e riceveranno a casa una contravvenzione per inosservanza delle prescrizioni anti Covid. (Repubblica) @ Gli italiani possono spendere meno a causa della pandemia e per la prima volta nel 2020 fanno crollare i consumi sotto la media dell’Ue. A dirlo un’indagine di Eurostat: fatto 100 i consumi degli europei in media, gli italiani hanno avuto un consumo individuale pari a 98,7, in calo rispetto al 102,1 del 2019. 19.290 euro contro i 19.560 della media Ue. (Avvenire)

Portoghesi record, Aneri vs virologi televisivi

Troppo panico dai virologi da tv. Per fortuna ora il mondo riparte”. Su La Verità di Sabato l’intervista a Giancarlo Aneri, che denuncia una crisi psicologica che si è sommata a quella economica: “Finalmente il telefono ha ripreso a squillare”. @ I portoghesi sono i maggiori bevitori di vino del mondo: nel 2020, complice anche la chiusura della ristorazione nei principali Paesi consumatori, è balzato al primo posto il Portogallo, con 51,9 litri pro capite, seguito da Italia (46,6 litri) e Francia (46 litri). @ Portare il design nel cuore del vino piemontese: sul Corriere della Sera Charley Vezza, amministratore delegato del marchio di design Gufram, racconta il suo progetto di creare una filiera del mobile d’arte a Barolo. La sua famiglia infatti è già attiva con una cantina sullo stesso territorio: L’Astemia Pentita. @ Arte e vino protagonisti anche a Bussia di Monforte dove i proprietari dell’omonima azienda hanno invitato un celebre artista Ernesto Morales a realizzare due grandi opere dedicate ai colori delle stagioni. (La Stampa) @ E a proposito di vigne e bellezza, la rubrica Abitare del Corriere della Sera visita la casa tra le vigne di Vittorio Moretti, patron di Bellavista, nelle sue bellissime stanze tra grandi vetrate, legni e opere d’arte. @ Il lusso non conosce crisi anche nel mondo del vino: parola di Axel Heinz, direttore di Ornellaia intervistato sulle pagine di Libero, dove spiega come nonostante il Covid il marchio abbia tenuto sia in Asia sia in Europa.

La sostenibilità che fa bene e il boom delle acque minerali

La sostenibilità fa bene ai bilanci. La crisi provocata dalla pandemia non frena la spesa delle imprese per migliorare i propri connotati green. Il merito va ai contributi offerti dalla Ue, ma anche dalla consapevolezza che il business ci guadagna. Su Repubblica - Affari & Finanza lo scenario tracciato da Sibilla Di Palma. @ Italia tra i leader delle acque minerali. Il mercato mondiale dell’acqua confezionata continuerà a crescere del 7-8% ogni anno nel corso del prossimo quinquennio, arrivando a oltre 387 miliardi di litri per un valore di 155 miliardi di euro. E’ quanto indica il report “Il settore delle acque imbottigliate” dell’Area Studi di Mediobanca, che evidenzia anche come l’Italia, con 13,5 miliardi di litri, è il nono mercato mondiale. (Il Giornale) @ Parmalat punta sul benessere con il latte alla vitamina D. Si chiama “Dura di più” ed è sviluppato per contribuire al rafforzamento del sistema immunitario. A supporto è stata lanciata anche una nuova campagna TV e radiofonica dal titolo “Facciamo D Più”. (Italia Oggi) @ “Per la mia pizza devo dire grazie a Borsalino”. A parlare è Giuseppe Giordano, il pizzaiolo alessandrino celebre per il suo “Pizz'ino” che è anche l’unico al mondo ad aver brevettato un metodo di cottura della pizza. Intervistato da Valentina Frezzato su La Stampa racconta: “Odiavo le pizze: sono cresciuto tra i tavoli, a 13 anni già impastavo, tutto è cambiato con la morte di papà”. E ancora: “Vorrei che tornasse l’atmosfera di inizio 900 quando eravamo uno dei centri più belli d’Europa”

Animalia

Assembramento particolare, quello creato da 17 stambecchi vicino alla vecchia dogana di Chianale, che giovedì scorso sono scesi a valle probabilmente per leccare il sale sull’asfalto. Questa la foto scattata da Enrico Ruggeri, un consulente informatico in pensione, appassionato di fotografia naturalistica, che dell’incontro ha detto: “E’ stato molto emozionante”.

L'assaggio

L’assaggio di oggi è con l’olio extravergine prodotto dalla giovane Joanna Suriano di Terre di Gioia. Un olio con profumi e sapori di classe; dal colore verde oro, ha profumo fruttato medio, con note di mela, carciofo e sentori erbacei, mentre il gusto è molto delicato, armonico. Ne parla Marco Gatti su ilGolosario.it.

Il vino

Il Metodo Classico Gold di Re Dauno di San Severo (FG). Uno spumante sicuramente gradevole caratterizzato dai profumi delicati di fiori bianchi, note di miele e una chiusura secca che invita alla beva. Buoni anche gli altri due esemplari, Brut Rosé e Pas Dosé, che esprimono entrambi la piacevolezza di queste bollicine pugliesi, volute da due coniugi, Angelina Radatti e Francesco Toma, che nel 2013 hanno dato vita alle Cantine Re Dauno in un palazzo del 1927.